Basket NBA: Batum e DeRozan rinnovano, Clarkson estende, Mozgov ad LA

Basket NBA: Batum e DeRozan rinnovano, Clarkson estende, Mozgov ad LA

Nicolas Batum e DeMar DeRozan hanno rinnovato con le rispettive squadre eliminando le ipotesi che li volevano lontani da Toronto e Charlotte. Clarkson ha esteso il matrimonio con i Lakers che oltretutto hanno firmato il centro Timofey Mozgov.

NICOLAS BATUM (RINNOVO) @ CHARLOTTE

L’ala francese rimarrà una importantissima pedina del roster degli Hornets. E’ stato infatti raggiunto l’accordo per un maxi contratto di 5 anni. Il giocatore percepirà il totale di 120 milioni di dollari. Sventata quindi l’ipotesi Dalls Mavericks, che aveano offerto 114 milioni di dollari. La franchigia texana ha insistito fino alla fine per avere i servigi di Nicolas ma gli Hornets pur di convincerlo hanno alzato la posta. Il front office di Charlotte ha fatto di tutto per trattenerlo, giustificati dai numeri collezionati in regular season. Batum ha registrato quasi 15pti, 6 rim e 6 ast di media, per numeri la sua migliore dall’inizio della carriera NBA.

Gli Hornets hanno quindi voluto premiare con un ingaggio oneroso un pezzo fondamentale della conquista ai playoffs. L’altissimo stipendio combinato con la possibilità di giocare nuovamente l’off season hanno quindi convinto il francese a restare alla corte di Michael Jordan.

and-trail-blazers-v-charlotte-hornets.1200x672
Nicolas Batum, ala francese degli Hornets, ha rinnovato per 120 milioni di dollari in 5 anni

DEMAR DEROZAN (RINNOVO) @ TORONTO RAPTORS

Si è parlato molto dell’addio di DeMar DeRozan da Toronto e del suo possibile futuro a Los Angeles. Sarebbe stata  sicuramente una bellissima storia. Considerando che il ragazzo è nato a Compton avrebbe di certo gradito un ritorno a casa, specialmente quando “casa” è intesa come i Los Angeles Lakers. Invece DeMar ha accettato le lusinghe dei già suoi Toronto Raptors. Lusinghe che sono state tradotte rispettivamente in 139 milioni di dollari spalmati su 5 anni di contratto, primo max contract del nuovo salary cap NBA.

Questo onerosissimo contratto darà molte responsabilità in piu a DeRozan. Inoltre farà si che la coppia formatasi con Kyle Lowry non si sciolga. In questo modo il roster che ha portato la franchigia canadese alle finali di Conference potrà tentare di confermarsi ad alti livelli anche la prossima stagione. Di contro Ujiri e la dirigenza faranno fatica a firmare nuovi rinforzi di livello con il poco spazio salariale rimasto ai Toronto Raptors. Le cifre sono comunque giustificate in quanto a soli 26 anni DeMar è il faro offensivo della sua squadra, nella passata stagione ha tenuto quasi 24 punti di media.

TIMOFEY MOZGOV @ LOS ANGELES LAKERS

Primo rinforzo ad LA,ragazzo che ormai sembrava essere fuori dai piani dei Cleveland Cavaliers campioni NBA che lo hanno utilizzato per circa 17 minuti ogni volta che Timo è potuto scendere in campo.

Il contratto con i Lakers prevede un compenso di 64 milioni in 4 anni. Una cifra decisamente importante per un giocatore che non è stato utilizzato molto nella passata stagione e che è rimasto spesso seduto durante i playoff giocando 6 minuti a gara nelle 13 giocate. Porterà comunque l’esperienza di un titolo vinto in una squadra che sta tentando di ricominciare da capo con giovani interessanti.

JORDAN CLARKSON (ESTENSIONE) @ LOS ANGELES LAKERS

Oltre ad aver firmato il centrone russo LA ha appena raggiunto l’intesa con la guardia classe 92, college Missouri, per l’atteso rinnovo contrattuale. Clarkson è una delle giovani promesse su cui i Lakers stanno scommettendo per costruire un futuro di successi. Il rinnovo del contratto è la conferma che il numero 6 è chiamato ad una crescita ed una produzione sui due lati del campo ancora migliore di quella che ha mostrato fino ad ora a Los Angeles.

50 milioni di dollari in 4 anni sono i soldi che andrà ad incassare l’ex Tigers. Clarkson in questa stagione ha viaggiato a 15 pti a partita, 5 rim, 2 ast in 32 minuti di utilizzo medio.

demar-derozan
DeRozan ha rinnovato con Toronto per 5 anni alla cifra di 139 milioni

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook