Basket NBA: Horford firma con i Celtics, Noah raggiunge Rose

Basket NBA: Horford firma con i Celtics, Noah raggiunge Rose

Al Horford accetta le lusinghe dei Boston Celtics e Joakim Noah sbarca ai Knicks, entrambi firmeranno un quadriennale con le rispettive nuove squadre.

Dopo Howard altri due grandi centri cambiano maglia, Horford e Noah. Stanno decisamente cambiando gli equilibri all’interno della eastern conference con squadre che perdono giocatori chiave, Hornets e Chicago, ed altre che provano a costruire roster vincenti, come Indiana e New York.

AL HORFORD @ BOSTON CELTICS

L’ex centro degli Atlanta Hawks si trasferirà nel Massachusetts. I Boston Celtics hanno offerto un quadriennale da 113 milioni di dollari che Horford ha accettato di buon grado comunicando subito il tutto su Twitter.

Al è sicuramente un grande giocatore. Ulteriore assetts che va a sommarsi ad una squadra molto interessante ed in continua crescita quali sono i Celtics di Brad Stevens. A Boston mancavano solo delle stelle affermate. Ma coachin staff e giocatori hanno fatto di questo particolare la loro più grande forza. Specie nella stagione appena conclusa. Horford è sicuramente un giocatore adatto alle caratteristiche di questi Celtics. Un lungo duttile, con ottime mani per giocare ed etica del lavoro. Può essere pericoloso sia in pick & roll che in pick & pop e possiede educatissimi movimenti in post. Sarà interessante vederlo in coppia con il piccolo Isiah Thomas e forse, dato che Boston è una delle squadre in corsa per aggiudicarsi i suoi servigi, di Kevin Durant. Gli Hawks invece perdono ancora giocatori importanti, dopo Jeff Teague che ha scelto l’Indiana è ora il turno di Horford. Atlanta ha lasciato partire verso altri lidi l’asse play-pivot che per anni è stata l’ossatura di questa franchigia.

JOAKIM NOAH @ NEW YORK KNICKS

I Chicago Bulls sono ufficialmente in rebuilding. Dopo Rose anche Joakim Noah raggiunge la grande mela alla corte dei NY Knicks. Il figlio dell’ex tennista Yannick Noah firmerà un quadriennale da 72 milioni andando a rinforzare  ulteriormente una squadra che dopo le ultime mosse di mercato sembra quotata come una delle teste di serie nella eastern conference. In verità non sono pochi i dubbi su Joakim che nella scorsa stagione ha giocato appena 29 partite causa infortuni ed ha ormai 31 anni, non proprio una giovane promessa. Tutta l’NBA, ed i Knicks per primi, sa però di avere davanti un vero e proprio guerriero del pitturato capace di dare energia e motivazioni ad una intera squadra. Quando si innesca con le sue giocate di energia in difesa tutta la squadra sale di colpi e ne guadagna in entusiasmo. Noah è capace di marcare sia esterni che lunghi e grazie alla sua tecnica difensiva può veramente chiudere la via del canestro agli avversari.

L’ex Bulls è un giocatore che senza supporto offensivo può aiutare la squadra fino ad un certo punto. Questi Knicks però hanno molto talento in attacco e Noah potrebbe inserirsi perfettamente come specialista. Rose, Courtney Lee, Anthony, Porzingis e Noah, un quintetto decisamente temibile tra le mani del nuovo coach Jeff Hornacek. Rimane solo da scoprire quali saranno gli altri pezzi dei Knicks 2016-17 e se la chimica di squadra prevarrà sulle grandi individualità di questo roster.

NBA: Portland Trail Blazers at Atlanta Hawks
Horford, prossimo giocatore dei Boston Celtics

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook