ITALIA POST-REFERENDUM: DOPO IL QUORUM, IL BATTIQUORUM

di Angela Grazia Arcuri

Ed ora rimbocchiamoci le maniche, ragazzi!   Troppo tempo abbiamo perso “a pettinar le bambole”, anni preziosi  sfuggitici di mano appresso a  bollenti polemiche intorno al personaggio chiave di un’Italia ridanciana, un’ Italietta da soap-opera ridotta alla berlina internazionale, un Paese dallo stivale accartocciato attorno a certi faldoni  che forse non verranno mai aperti in un’aula giudiziaria.

I giovani sono stati per un po’ a guardare, frastornati dagli echi  di bunga-bunga che, guarda un po’,  non provenivano da lontane tribù  dell’Africa ma proprio dagli angoli  più a settentrione di casa loro. Poi, si sono fatti due conti col portafogli vuoto  dei loro contrattini co-co-pro, hanno fatto un pensierino a un futuro… invisibile,  iniziando a dare segno di un primo risveglio  con gli scoppiettii  provenienti dal Mediterraneo, la rivoluzione dei gelsomini e  quanto segue.

I giovani nostri non amano tanto i fucili.  Hanno provato lo scorso anno a farsi sentire con qualche bombettina per il Corso di Roma, ma poi hanno preferito un’arma più tranquilla e  altrettanto micidiale, il web.  In vista del referendum hanno dato la prova-madre del loro risveglio, scatenando un tam-tam in tutto il Paese, che ha buttato giù dai letti anche i più riottosi al voto,  ridestando  le coscienze più pigre del “ chi me lo fa fare, tanto non cambia niente”. E invece no, ci sono andati, alle urne. Anche dopo la giornata al mare, anche prima della discoteca. E i loro “si’ “ sono stati decisivi.

Gli anni di immobilismo del governo ci costringono  ora a prendere la rincorsa per poter scavalcare tutte le buche senza romperci le gambe. Già, ora il discorso si fa serio, molto serio, che non viene più da ridere. Proprio no.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook