Catania: il giallo dell’orario sfasato

di Andrea Spinello

“Siamo troppo avanti” è un modo di dire, spesso utilizzato ironicamente, pronunciato per sottolineare la capacità di anticipare i tempi o la predisposizione ad essere innovatori in un certo campo. Certo che a Catania avremmo preferito dare proprio questo significato alla locuzione, piuttosto che servircene per giustificare lo sfasamento d’orario delle sveglie elettroniche. Sì, avete capito bene, nel capoluogo etneo gli orologi a led non riescono a mantenere l’orario fissato dall’utente, posizionandosi – giorno dopo giorno – su orari posticipati, anche di parecchi minuti, rispetto a quelli reali.

Da alcuni giorni, più si regolano le sveglie sull’orario esatto segnalato dal televideo, dalla radio o da internet, più aumenta il nervosismo dei catanesi nel sentire il proprio segnale acustico mattutino suonare parecchio prima rispetto al tempo fissato.

Lo strano “sfasamento” si sta verificando ormai da circa una settimana e in punti diversi della città. Dapprima lo sconcerto di alcuni cittadini si era limitato alle solitarie lamentele all’interno delle mura domestiche, poi tra una chiaccherata e l’altra con gli amici al bar si è scoperto che i casi non erano isolati e che si stava prefigurando un vero e proprio fenomeno a media scala. I fisici, al momento, non riescono a fornire spiegazioni plausibili. Addurre la motivazione dell’evento ai campi elettromagnetici stimolati dalle onde radio degli amatori non convince del tutto, essendo questa una causa ragionevole solo nel caso in cui il fenomeno fosse limitato nello spazio. Qualcuno dice che si stanno effettuando lavori nel cavo sottomarino che attraversa lo stretto di Messina, altri legano l’evento a certi “scherzetti” dell’Etna, ma la verità sembra davvero lontana. C’è, dunque, chi pensa agli alieni, chi al vicino di casa dispettoso, fatto sta che gli studenti delle scuole e i lavoratori dipendenti avranno un motivo in meno per giustificare i loro ritardi e i catanesi rimarranno per un certo periodo in testa alle classifiche italiane di puntualità.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook