Catania saluta Benito Paolone

E’ tornato alla Casa del Padre, uno dei simboli della politica etnea. Benito Paolone, classe 1933, nativo di Campobasso, già negli anni ’50 si trasferì a Catania, città che divenne la sua di adozione e in cui svolse la sua attività professionale.
Militante del Msi, da sempre attivo nel mondo della destra sociale, del rugby (fu fondatore dell’Amatori Catania) e del recupero dei minori in condizioni di disagio sociale, Paolone lascia “orfano” il consiglio comunale etneo, per decenni palcoscenico delle sue arringhe, delle sue estenuanti battaglie contro il malcostume della politica e dell’arrivismo delle nuove classi dirigenti.

Tutta la città ne sentirà la sua mancanza, la sua proverbiale e spiccata propensione al dialogo, a volte acceso e pungente, ma sempre rivolto a portare a termine le sue tante battaglie politiche.
Pochi giorni fa, nel suo letto di morte presso la clinica “Humanitas” ridotto allo stremo da un cancro maligno, aveva chiesto la visita dell’ex premier Silvio Berlusconi.
I suoi funerali verranno svolti mercoledì pomeriggio alle 15 presso la Cattedrale cittadina.
Il responsabile della pagina di Catania di 2duerighe, Mirko Tomasino, e la redazione cittadina si uniscono al dolore della famiglia.

Mirko Tomasino

24 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook