Falso in bilancio. Condannato Umberto Scapagnini

Due anni e nove mesi. Questa la condanna espressa dal giudice monocratico del Tribunale di Catania  nell’ambito del processo sul reato di falso in bilancio apertosi a Catania durante la seconda fase dell’amministrazione di centrodestra guidata dall’ex sindaco Scapagnini.
Insieme all’ex primo cittadino etneo è stato condannato – sempre con la stessa formula – l’ex ragioniere generale Vincenzo Castorina e sei ex assessori della giunta di centrodestra.
Due anni e tre mesi sono stati inflitti anche a degli ex componenti delle giunte guidate dal medico del presidente del Consiglio.

Si chiude, dopo circa tre anni e mezzo, una delle pagine più tristi e buie della città etnea.
Una pagina che ha piegato la città riducendola allo stato di impotenza e di incapacità di rinnovamento. Spetterà ai prossimi amministratori (molti dubbi permangono sull’operato dell’attuale sindaco Stancanelli) rivitalizzare una città dall’anima opaca e spenta.

di Mirko Tomasino

11 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook