Catania: Francesca Cannizzo nuovo prefetto

di Mirko Tomasino

Catania si tinge di rosa. E mentre la città concede l’ultimo saluto alla storica attrice catanese Mariella Lo Giudice, per una donna che se ne va un’altra ne arriva in una sede e con competenze completamente diverse dalla prima.

Francesca Cannizzo, prontamente nominata dal governo, è stata posta sullo scranno di prefetto della “calda” città di Catania.

Il suo curriculum è vario e di tutto rispetto, a dispetto di tutti coloro i quali snobbano ancora le donne nel mondo delle istituzioni.

 

Cinquantasette anni, nel mondo delle istituzioni dal 1986, è stato viceprefetto vicario a Siracusa e Venezia – tra i suoi incarichi più prestigiosi – e prefetto di Ragusa nel 2011.

Il mondo politico catanese e siciliano ha espresso vivo compiacimento per la recente nomina e non sono mancate parole di vero elogio a questa donna delle istituzioni.

“La tempestiva nomina del governo nazionale della dottoressa Francesca Cannizzo a prefetto di Catania è del tutto positiva sia per l’alto profilo delle qualità professionali e sia perchè l’esecutivo ha risposto prontamente alla nostra richiesta di individuare con la massima urgenza il nuovo responsabile dell’ufficio territoriale del governo”.  Lo ha detto il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli commentando la nomina del nuovo prefetto di Catania.

“Ho già sentito la dottoressa Cannizzo, di cui ne apprezziamo da tempo la competenza e la serietà professionale, per manifestarle le sentite congratulazioni mie personali e dell’intera città -ha detto il sindaco Stancanelli-. Un importante lavoro ci aspetta, nel rispetto dei ruoli, per le tante questioni aperte per la legalità, lo sviluppo e la crescita della città di Catania e per questo con la dottoressa Cannizzo abbiamo già convenuto di fissare un incontro operativo subito dopo l’insediamento. Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta il dottore Enzo Santoro per l’intenso e proficuo lavoro svolto come prefetto di Catania”.

Catania, città “bollente” per eccellenza e non solo con riferimento a questioni di tipo meteorologico, necessita di un prefetto di ferro in grado di dirimere le tante controversie di ordine pubblico.

E’ la volta buona?

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook