Dylan Dog Color Fest 17, Baba Yaga

Dylan Dog Color Fest 17, Baba Yaga

Quando esce un Dylan Dog Color Fest è sempre un piacere (sia per i lettori abituali del personaggio sia per quelli occasionali) perché si è certi di avere a che fare con un fumetto di qualità.
Nell’ultimo numero uscito lo scorso 6 Maggio troviamo una splendida copertina disegnata da Ausonia e una storia intera firmata Paola Barbato (testi) e Franco Saudelli (disegni).

Come si evince dal titolo l’indagatore dell’incubo dovrà vedersela con la leggendaria Baba Yaga, personaggio tipico del folklore e della mitologia slava, una strega vecchia come il mondo che vive in una casa che si erge su due zampe di gallina e che viaggia volando dentro un mortaio, usando il pestello come timone. Ultima fonte di aiuto per i disperati che non hanno più niente da perdere o almeno così credono.

Sarà proprio uno di questi disperati a catapultare il buon Dylan nel vivo dell’azione in quella che è una storia fuori dagli schemi classici del personaggio bonelliano, tra vendetta, patti di sangue e anime reclamate (sarà quindi della partita anche il principe delle tenebre) gli eventi si susseguiranno freneticamente trasportando il lettore in un vortice in cui niente è come sembra e il colpo di scena è sempre dietro l’angolo.

La storia è sostenuta da una sceneggiatura ricca e solida, in cui spiccano dialoghi divertenti, personaggi caratterizzati magnificamente e scene crude tanto che a volte si ha la sensazione di stare leggendo un fumetto scritto da Garth Ennis (forse anche per via di uno spunto narrativo un po’ simile a quello visto in Hellblazer “abitudini pericolose”).

Le ambientazioni, lo storytelling e i disegni di Franco Saudelli sono un vero e proprio piacere per gli occhi, impreziositi dalla colorazione ad opera di Oscar Celestini rendono questo albo una piccola perla tra i fumetti in uscita questo mese.
Dylan Dog Color Fest n° 17
COPERTINA: Ausonia
AUTORI: Paola Barbato, Franco Saudelli, Oscar Celestini
CASA EDITRICE: Sergio Bonelli Editore

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook