DUNK, LA SUA ATTESA E’ FINITA !

DUNK, LA SUA ATTESA E’ FINITA !

E’ fuori “Waiting So Long”, nuovo album di Dunk, giovane rapper romano. Non c’è più nulla da aspettare, il disco, prodotto da Ai Town, è già  disponibile su Spotify. 12 tracce intrise di rap capitolino: la metrica, gli incastri, il flow, l’aggressività dei beat sono inconfondibili. Strofe distese come sampietrini, imponenti come palazzoni, dipingono l’atmosfera grigia della Roma borgatara, fiera e gelosa di un suono vero. “Waiting So Long” trasmette rap ortodosso e lo apprezzerete “se vi piace il sapore d’asfalto condito dal fumo che esce dai tombini con lo sfondo della controversa metropoli romana”. Dunk contamina il suo stile riprendendo l’attitudine hardcore dei veterani del genere e rafforzando la romanità con versi di cemento. L’album emblema di un modo di fare e vivere il rap non poteva prescindere da alcune partecipazione che intensificano l’eco lanciata da Dunk: Danno dei Colle, Delgado, Krystal, Lord Madness, Lucci accompagnano il giovane rapper nella sua prima esperienza da solista. Dunk viene dal collettivo “Luci Soffuse”, affronta da anni l’underground e, ora soltanto, ha scelto esporsi in prima linea con un disco marchiato di fabbrica. Pubblicato su Musicraiser, ha dato via ad una campagna di crewfounding che ha riscosso il successo sperato. Pezzi infuocati: “intro” con Danno consacra lo stile massive del disco, “Terra bruciata” si erige a baluardo di un rap vecchio ma che non muore mai, “A.M” sprofonda in un’atmosfera soul. Bel lavoro di Dunk, qualcosa di vero e sincero pronto ad assaltare la scena capitolina. Ascoltatelo! Streammatelo! Compratelo!

Sotto il video di “Lost July”, pezzone con il feat di Dj Fastcut e la produzione Steven One: “st’estate tanto caldo e io ridevo, squagliavo il fumo col mio clipper nero”

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook