Sondaggio Jobs Act

Sondaggio Jobs Act

Jobs ActFinalmente ci siamo. Il tanto atteso Jobs Act è entrato in vigore. In occasione della festa della donna (che poi, sarà una coincidenza!?), il contratto a tutele crescenti è stato scritto in Gazzetta Ufficiale e l’articolo 18 abolito.

“quest’anno ci saranno molte più assunzioni che licenziamenti, sono pronto a scommetterlo”, è la sfida lanciata da Matteo Renzi ospite a TG1, la sera dell’8 Marzo.

I primi due decreti attuativi del Jobs Act sono stati scritti nella Gazzetta Ufficiale e si pensa ora che si apra una nuova fase in vista di un ampliamento di tutele, non la pensa così il sindacalista Barbagallo che afferma: “Inizia una nuova fase di insicurezza dell’era 2.0”.

Poletti accoglie la sfida del Premier e punta sull’occupazione affermando: “sono convinto della bontà delle scelte che abbiamo fatto. L’idea che si licenzi e poi si riassuma non è compatibile con la legge”. E ribadisce che le nuove regole sui licenziamenti valgono solo per i neo- assunti, mentre per i più anziani resta ancora in vigore per loro l’articolo 18.

Renzi auspica un incremento di circa 150 mila posti di lavoro, staremo a vedere, con le nuove leggi che incentivano al licenziamento.

[poll id=”17″]

di Jessica Donadio
9 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook