Gheddafi: Saranno processati i suoi assassini

Il Consiglio nazionale di transizione libico ha dichiarato che gli insorti che hanno ucciso Gheddafi, lo scorso 20 ottobre, dovranno affrontare un processo non appena saranno trovati. In particolar modo Abdel Hafiz Ghogha, vicepresidente del Cnt, ha affermato che chi lo ha ucciso sarà processato come un comune cittadino. Da che c’era una lauda ricompensa per chi avesse ucciso il colonnello ora c’è un dietrofront. Certamente il modo con cui è stato ucciso non è stato proprio di una comunità democratica ed emancipata, non è quel tipo di violenza (non è la violenza) a dare la libertà, ma è pur vero che vi è talmente tanta incertezza sulle circostanze che hanno portato alla morte di Gheddafi che  le parole del Consiglio di Transizione hanno un peso molto leggero.

Dal suo punto di vista, Hafiz Ghongha, pensa che Gheddafi sia stato giustiziato da una sola persona e non da un gruppo rivoluzionario, per questo dovrà esser processato. La stessa famiglia di Gheddafi ha presentato alla Corte penale internazionale dell’Aia una denuncia per “crimini di guerra”.

 

di Enrico Ferdinandi

 

28 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook