Protesi Pip, Balduzzi: in Italia ce ne sono 3.911

Il censimento voluto dal ministero della Salute per comprendere quante siano le protesi Pip impiante in Italia ha dato un primo responso: “Sono 3mila 911 le protesi Pip impiantate in Italia, secondo i dati comunicati dalle Regioni al ministero”.

A dichiararlo il ministro della Salute Renato Balduzzi che ha inoltre spiegato che tuttavia per il censimento delle protesi potenzialmente difettose prodotte in Francia: “abbiamo seguito un criterio cautelativo e ragionevole” per questo motivo  almeno un centinaio di protesi potrebbero esser sfuggite dal conteggio.
Ricordiamo che il caso delle protesi Pip è nato a fine 2011 quando alcuni dottori francesi si erano resi conto di come il numero di donne con queste protesi mammarie fossere in media più propense a contrarre tumore al seno. Successivi controlli rivelarono che il silicone contenuto nelle protesi non era a norma, anzi era un tipo di gel usato per le produzioni industriali, altro che sanitarie. Si conta che solo in Franci vi siano oltre 30mila donne a rischio mentre nel mondo la cifra sale a più di 300.00, non solo donne ma anche uomini con protesi ai pettorali, glutei e testicoli.
In Italia per meglio comprendere l’entità delle persone in pericolo è stato indetto questo censimento (che proseguirà per tutto il 2012) ma Balduzzi ha più volte rassicurato affermando che: “Non c’è alcuna evidenza degli effetti e non sono dimostrabili gli effetti cancerogeni. Quindi no all’espianto generalizzato in quanto occorre valutare caso per caso”.
La parola d’ordine è non farsi prendere dal panico ma piuttosto farsi controllare.

Alessandra Cetronio

27 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook