La Basilicata racconta i 150 anni dell’Unita’ d’Italia

Si è tenuta presso la Sala Inguscio della Regione la manifestazione conclusiva della serie di eventi celebrativi del 150° anniversario dell’Unità d’Italia che hanno visto come protagonista la Basilicata.
Nell’occasione è stato presentato il libro “Basilicata i luoghi della narrazione”, curato da Paolo Albano, che racchiude in maniera armoniosa l’eterogeneità dei luoghi, i pittoreschi modi di dire, gli avvenimenti, i fatti e le tradizioni della regione lucana.

Ad aprire i lavori il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Folino, che ha tessuto le lodi delle iniziative intraprese dalla Basilicata, dipinte come un “lungo e proficuo cammino che ha portato a raccogliere le riflessioni di storici, scrittori e studiosi della cultura e dell’arte della nostra regione. Il tutto accomunato dalla partecipazione di ogni comune della Basilicata, che ha ricordato al meglio la partecipazione del popolo lucano alla costruzione del nostro Paese”.

Secondo Folino, sono due gli elementi degni di nota che caratterizzano questo evento: “Il testo, che rappresenta un vero e proprio compendio di luoghi e persone, e la chiusura delle manifestazioni, che vedono il fior fiore dell’intelligenza lucana presente all’invito della Regione per concelebrare, insieme con le autorità istituzionali, quanto dal 1799 è successo nella nostra terra, forse umile di origini, ma ricca di idee, progettualità e programmi”.

A prendere la parola è stato poi il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo: “È un’iniziativa non solo storica e antropologica, ma con più sensi e sensibilità, che il Comitato scientifico ha saputo genialmente tirar fuori, evidenziando il nostro ruolo negli anni del Risorgimento e dell’Unità d’Italia. Anche quando qualcuno ‘molto in alto’ remava contro, la Regione Basilicata ha deciso di portare avanti un’iniziativa che vuole prestarsi alla verità storica: una legge regionale che ha come oggetto e motivo ispiratore due precisi e puntuali momenti della storia lucana, il primo riguardante i 40 anni della nascita della Regione e l’altro i 150 dell’Unità d’Italia, simboli unitari di una terra che non ha mai rinnegato le proprie radici. È un successo, dunque, non solo editoriale, ma anche culturale. “Basilicata i luoghi della narrazione” rappresenta la memoria cartacea di anni di storia e, indubbiamente, un punto di partenza per il recupero della comunità scolastica, che vedrà ancora una volta la Regione protagonista”.

A concludere la manifestazione è stato il discorso del senatore a vita Emilio Colombo, presidente onorario del Comitato, che ha parlato dell’importanza della unità nazionale: “La vita italiana è da sempre fatta di alti e bassi. L’importante è credere in qualcosa e lottare per ottenerla. È imprescindibile capire gli ideali a cui attingere e la funzione della Basilicata nel processo di Unità del Paese, ruolo finora passato in secondo piano. E’ un processo attivo, di unità, che è passato attraverso diverse fasi e che, ancora oggi, trova ostacoli da parte di chi confonde il federalismo con le federazioni. Importante è che le lotte dei contadini, degli artigiani, dei professionisti e della borghesia, abbiano portato a quell’articolo 5 della Costituzione che parla di promozione delle autonomie locali, senza inficiare in nessun modo l’indivisibilità unitaria della Nazione”.

Giuseppe Ferrara
11 dicembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook