Grande Fratello

Quando Orwell scrisse “1984”, uno dei suoi più grandi romanzi, elaborò – e probabilmente fu il primo- il concetto di Grande Fratello. Un essere non ben definito affidato alla gestione delle autorità che avrebbero dovuto esercitare il controllo sulle persone comuni.

Se Orwell potesse riscrivere oggi quel romanzo, non farebbe fatica, anzi. Troverebbe una grossa mole di ispirazione e si sorprenderebbe di come in quest’epoca le autorità -che prima spiavano soltanto le persone ‘normali’- adesso si siano messe a spiare altre autorità.

Secondo quanto rivelato dal quotidiano francese ‘Libération’, sulla base dei dati di Wikileaks, gli ultimi tre presidenti francesi, Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e Francois Hollande, sarebbero stati intercettati dalla NSA, la National Security Agency, i quali poteri Obama aveva, invano, provato a limitare.

La Nsa oltre a spiare gli ultimi tre presidenti francesi avrebbe sorvegliato diversi ministri, deputati e diplomatici dal 2006 al maggio 2012. Tra i documenti raccolti e diffusi da Wikileaks ci sarebbero conversazioni sulla crisi globale, sul debito greco, sulle relazioni tra l’amministrazione di Hollande e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Sarkozy sarebbe stato ascoltato almeno in tre occasioni, come nel 2008, quando è stata registrata la sua intenzione di  “farsi avanti per risolvere la crisi finanziaria”. Jacques Chirac invece è stato sentito nel 2006 mentre dava istruzioni al suo ministro degli Esteri perché avvicinasse il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban ki-Moon, per assegnare un incarico al diplomatico norvegese Terje Roed-Larsen.

Casi del genere soffocarono (giustamente) l’immagine di uomini come Nixon, coinvolto com’era nello scandalo Watergate. ma oggi il Grande Fratello si è guadagnato potere e legittimità. Sta dimostrando che spiare è affare di stato e pratica diffusa, che la tutela degli interessi economico-strategici di una nazione vengono prima di ogni cosa. Insomma che è una cosa normale. Una notizia del genere lascerà le pagine dei giornali molto presto. Una mezza giornata al massimo, e nessuno -ovviamente- troverà una benché minima ragione per dimettersi.

E’ il Grande Fratello bellezza!

Filed in: Uncategorized
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook