Come la destra americana ha sfruttato le rivolte

Come la destra americana ha sfruttato le rivolte

Il 6 novembre 1962 Richard Nixon annunciò il suo ritiro dalla politica americana. Lasciando il posto due anni prima proprio da una manciata di voti nella corsa alla Casa Bianca, è stato appena sconfitto dal democratico Edmund G. (“Pat”) Brown nelle elezioni per il governatore della California. Nel 1964, un altro repubblicano, Barry Goldwater, fu spazzato via, questa volta da Lyndon Johnson, eletto presidente degli Stati Uniti con il 61% dei voti. Quando si tratta di diritti civili e di lotta contro la disuguaglianza, Johnson semplicemente farà la storia del suo paese. Saprà rispondere favorevolmente alle pressioni del movimento per i diritti civili e delle migliaia di attivisti di sinistra, spesso giovani e bianchi, che si sono recati nel Sud per aiutare i sostenitori di Martin Luther King. La segregazione istituzionale viene smantellata, lanciata la “guerra alla povertà”, il progressismo sembra installato da una generazione.

L’illusione non dura. Se la società americana stava ribollendo durante gli anni ’60 (movimento nero dei Black Panther, movimento studentesco, movimento femminista, movimento pacifista, movimento omosessuale), una reazione conservatrice prese forma molto rapidamente in ciascuna di queste aree, o quasi. Nel 1966, Ronald Reagan schiacciò “Pat” Brown, e divenne governatore della California grazie al sostegno di un elettorato popolare bianco che aveva appena ottenuto attraverso il referendum sull’annullamento delle disposizioni favorevoli alla diversità razziale negli alloggi.  Due anni dopo, Nixon, apparentemente incapace di rinunciare alla politica, sconfisse il vice presidente scelto da Johnson – Hubert Humphrey – e si trasferì alla Casa Bianca.

Lo spostamento a destra di una parte della base democratica (lavoratori, impiegati, contadini) spiega l’esito delle elezioni. In California, Reagan stacca i “piccoli bianchi” dal partito del governatore uscente accusando quest’ultimo di aver peccato di debolezza durante le rivolte di Watts (Los Angeles) nell’agosto 1965, ma anche di aver fatto i conti con la protesta di una “Minoranza nevrotica” di “beatnik” installata all’Università di Berkeley.

A livello nazionale, Nixon esplora anche temi di “legge e ordine”. Mentre nel 1968 le rivolte di Chicago e Harlem sono ricordate con affetto – 43 persone, per lo più neri, furono uccise (spesso dalla polizia, dalla guardia nazionale e dall’esercito) durante le rivolte di Detroit nel luglio del 1967 – invita i suoi connazionali ad ascoltare “un’altra voce, una voce tranquilla nel tumulto delle grida. Questa è la voce della stragrande maggioranza degli americani, degli americani dimenticati, di quelli che non gridano, di quelli che non protestano. Non sono né razzisti né malati. Non sono colpevoli delle piaghe che infestano il nostro Paese ”.

“Né razzista”? Nel 1963, il 59% dei bianchi era ancora a favore del divieto dei matrimoni interrazziali, il 55% non voleva vivere accanto ai neri, il 90% si rifiutava di lasciare che la figlia uscisse con uno di loro, più della metà dei quali alcuni bianchi immaginavano di ridere molto di più di loro, di essere meno ambiziosi e di avere un odore diverso … Inoltre, fu un normale caso di brutalità della polizia a scatenare le rivolte del 1965 a Watts. Sono durati cinque giorni, hanno coinvolto quasi 50.000 persone (comprese 16.000 Guardie Nazionali), hanno provocato 34 morti e 1.000 feriti.

 

Già alla fine degli anni ’50, l’FBI e le autorità locali in Alabama, Arkansas e Mississippi spiegavano i “disordini” coinvolgendo “agitatori” dall’esterno. Per screditare il movimento nero, si sosteneva che fosse stato infiltrato dai comunisti: cartelli installati lungo le strade meridionali proclamavano addirittura che Martin Luther King era passato attraverso un campo di addestramento rivoluzionario ed era “incoraggiato da una frazione cinese dei comunisti “. Con Malcolm X, preferiamo invocare le influenze dell’Islam. Lo stesso Johnson incolpa dapprima le rivolte urbane attribuite ad alcuni “piantagrane neri” prima di rendersi conto della natura spontanea e popolare dell’esplosione. Da parte sua, la destra americana ha continuato, nel 2005, ad associare spontaneamente disordini sociali, “sovversione” e un nemico “esterno”

Negli Stati Uniti, l’uso delle truppe è più usuale. Ma il conseguente aumento della violenza non determina necessariamente un grado più elevato di consapevolezza collettiva. Nell’aprile-maggio 1992, ad esempio, le rivolte a Los Angeles (più di 50 morti e 10.000 arresti, a seguito dell’assoluzione di un poliziotto filmato mentre picchiava brutalmente un automobilista nero, il signor Rodney King ) disturbano l’attuale campagna presidenziale solo per pochi giorni, i tre principali candidati (i signori George H. Bush, William Clinton e Ross Perot) sono particolarmente preoccupati di sedurre le classi medie, non di porre rimedio ai problemi dei ghetti. Quasi sempre, le rivolte urbane hanno riattivato la demagogia della sicurezza della destra americana, che coglie l’opportunità di “proletarizzare” a buon mercato.

All’inizio degli anni ’60, il giornalista di sinistra Andrew Kopkind, come molti altri, incluso Martin Luther King, sperava in un movimento interrazziale dei poveri che unisse i mezzadri neri nel Mississippi e i bianchi indigenti negli Appalachi. Nel 1968, la lotta contro le leggi razziste è stata vinta negli Stati Uniti. Ma la solidarietà interrazziale, sembra più distante che mai. Perché il sogno della mobilità sociale dei lavoratori bianchi e dei dipendenti sta scivolando via in questo preciso momento.

Le rivolte urbane si aggiungono a questa ossessione per il declassamento della richiesta di un ritorno all’ordine: “Non sono contro le persone di colore, sono contro le rivolte”, ha detto lo stesso lavoratore di Chicago a Kopkind. Vent’anni dopo, nel 1988, il discorso è cambiato poco. Cercando di spiegare il passaggio a destra di un falegname di una città bianca, Thomas e Mary Edsall citano: “La maggior parte di coloro che hanno bisogno di aiuto sono neri. E la maggior parte di coloro che aiutano sono bianchi. Siamo stanchi di pagare per gli HLM a Chicago e per i mezzi di trasporto che non utilizziamo.

Allora come si fa e chi dovrebbe pagare? Il discorso della destra americana è ben consolidato: la domanda è mal posta; ogni aiuto danneggia chi lo riceve. “La gente”, esclamò nel 1995 David Frum, un saggista repubblicano che avrebbe consigliato il presidente George W. Bush all’inizio del suo mandato, “è stanca di questo piagnucolio costante che sentono sui poveri. I contribuenti della classe media credono di pagare sempre di più per loro e di continuare a comportarsi peggio.

Sotanzialmente, la storia recente suggerisce che le fortune politiche di orientamenti diseguali  individualizzano o “etnicizzano” le relazioni sociali in modo che possano reprimere più facilmente coloro che maltrattano quando si ribellano.

Filed in: Uncategorized
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook