Marco Villa
Marco Villa
Marco Villa, conosciuto nella non più esistente scena hip hop italiana come Ted Bee, nasce poco fuori Milano lo stesso giorno di Osama Bin Laden e Roberto Cravero, con il quale condivide anche una discreta carriera come difensore centrale nelle serie minori, nell'anno 88, pur odiando i nazisti dell'Illinois. Pesce ascendente pesce (Chavez ascendente Stalin). Forse filosofo e poeta, di certo misantropo e bipolare. In un momento di crisi mistica ha provato a fare un pellegrinaggio, ma per indolenza ha preferito stare fermo attendendo che Dio giungesse a lui. Ancora non è arrivato. Attivo nella musica rap dal 2004, è autore di album che si sono imposti come dei veri e propri classici del genere come "Molotov Cocktail" e "WanTed", collaborando con importanti esponenti del genere e non solo come i Club Dogo, Marracash, Fedez, Clementino, Il Cile e altri ancora. Gestisce inoltre su YouTube il format "A scuola con Ted Bee" in cui racconta piccole pillole di carattere storico. Negli anni 2000 ha seguito la curva del Milan in Italia e in Europa. Non frequenta più gli stadi perché li considera troppo rumorosi.

Biografia

Articoli

Chi è in piazza in queste notti sembra urlarci che il mondo l’ha capito. Ma trasformarlo è impossibile

Da qualche giorno molte piazze italiane, allo scoccare del coprifuoco o prima, sono teatro di manifestazioni più o meno pacifiche che coinvolgono parti di società civile colpite dalle restrizioni indotte dai provvedimenti volti a contenere il contagio da SARS-CoV-2 e scontri e guerriglia provocati da ali più facinorose, che riguardano soprattutto giovani di varia estrazione politica o sociale. A molti…
Commenti

Skanderberg, l’incubo del sultano

Giorgio Castriota Skanderbeg è l’eroe nazionale albanese. È l’uomo che, più di chiunque altro, contribuì a bloccare l’avanzata degli Ottomani nei Balcani. Egli crebbe tra i giannizzeri, di cui si parla ad esempio nel bellissimo romanzo di Ivo Andric Il ponte sulla drina, bambini rimasti orfani o addirittura rapiti dalle famiglie cristiane d’origine per essere allevati secondo un modello rigidamente…
Commenti

La storia di Simone Pianetti. Il Kill Bill italiano

Simone Pianetti è stato indiscutibilmente il Kill Bill italiano. Quasi cent’anni prima del film di Tarantino. Dentro la sua storia, incredibilmente sconosciuta, anche a Tarantino, c’è tutto quello che spesso cerchiamo in più storie. Tutto in una. La solitudine, l’emarginazione, l’emigrazione, la discriminazione, l’anarchia, la ribellione, l’odio per le autorità e le istituzioni, che siano quelle statali o ecclesiastiche. In…
Commenti

Perché è fuori luogo paragonare Stati Uniti e Italia se si parla di razzismo

Sull’onda della vergognosa esecuzione di George Floyd, rimbalzata in tutto il mondo grazie ai social, ho sentito qualcuno dire che la stessa urgenza con cui si condanna il razzismo negli Stati Uniti sarebbe gradita anche in Italia, come se esporsi per un evento accaduto a migliaia di chilometri di distanza sia tutto sommato più semplice che prendere posizione su vicende…
Commenti

Abolire il liceo classico? No, riformare l’intera scuola

Mi è capitato più volte di ascoltare da parte di alcuni esponenti del mondo politico o economico la richiesta di abolire il liceo classico. Per costoro rappresenterebbe infatti un programma di studi anacronistico e molto lontano dalle esigenze del mondo contemporaneo, ancora legato alla centenaria riforma scolastica di Giovanni Gentile che identificava proprio nel liceo classico il luogo di formazione…
Commenti