Davide Benedetto
Davide Benedetto

Biografia

Nasco nel Millenovecento Sessantaquattro, tecnicamente baby boomer, e già in tenera età affetto da preoccupante passione per la lettura. Con l'aiuto di pochi amici intimi, i soliti noti Salgari Verne Kipling Stevenson, che mi tengono lontano dalla strada, arrivo comunque incolume alla maggior età. É per me la stagione della science fiction, il Sense of Wonder questa volta si incarna in Asimov, Bradbury, Heinlein, Dick. Saccheggio la biblioteca del Liceo (scientifico) collezionando da vero bulimico le veline rosa delle schede prestito. Smentendo tutti i facili pronostici imbocco con piglio deciso la strada dell'università, ritrovandomi ancor giovane ormai ingegnere, benché distratto nel frattempo dal servizio militare (un anno e mezzo da Bersagliere). Il resto è prevedibile routine: grande Azienda, dieci anni come ricercatore, poi varie ed eventuali in giro per il mondo (Stato Uniti, Indonesia, Russia, Kazakistan, Messico) sempre brevemente e sempre irrequieto. Nel frattempo imparo a scrivere (sic): per La linea dell'Occhio (circolo del Cinema di Lucca, dove vivo per sette anni), YouTopic (gloriosa testata online passata a miglior vita), e oggi per QuartoPotere (rivista di cinema) e naturalmente per 2duerighe. Scrivo di cinema teatro e cultura, per divertimento e perché mi aiuta a capire, nell'illusione di riuscire a comunicare il mio punto di vista, quando possibile originale, ma sempre schietto, più che si può. Confesso d'aver scritto anche altro, in gioventù: ho persino vinto alcuni concorsi letterari, nessuno dei quali mi ha cambiato la vita. Al rintocco dei cinquantatré (anni), mi ritrovo felicemente (sic) single di ritorno e genitore part time (Lorenzo di 14 e Giulia di 11), ben sapendo che il meglio deve ancora venire.

Articoli

Industria eolica. A che punto siamo?

L’industria eolica ha il vento in poppa, è proprio il caso di dirlo: costi di installazione che crollano, ricavi promettenti, finanziamenti facilmente accessibili, ampia disponibilità di risorse rinnovabili. Fra gare pubbliche e contratti privati, il settore eolico-elettrico sta vivendo una rivoluzione ininterrotta ormai da quasi vent’anni, che sta cambiando il nostro modo di pensare l’energia, il nostro paesaggio e la…
Commenti

Introduzione alle energie rinnovabili. Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto cambia

Prima di poterci – finalmente – occupare di energie rinnovabili, dobbiamo tornare a parlare di energia tout court, ed in particolare dobbiamo chiarire un ulteriore, frequente equivoco: l’energia non si crea mai (ok Albert, quasi mai), si conserva con qualche difficoltà (controllate sempre la data di scadenza sulla confezione …) e si trasforma sempre. Ma andiamo per ordine. L’energia non…
Commenti

Energie rinnovabili. Energia, potenza ed equivoci

Vento, sole, onde e maree, idroelettrico e poi geotermico, biomasse: il catalogo di quelle che consideriamo energie rinnovabili, incluse in maniera crescente nel menù delle risorse realmente a disposizione dell’industria elettrica. Il catalogo va ampliandosi sempre più, in questi ultimi anni, man mano che l’innovazione tecnologica, il perfezionamento dei prodotti e il loro costo industriale vanno diminuendo. Davanti all’avanzata ormai…
Commenti

Il costruttore Solness, una non-apologia del self-made man

La recensione di Il costruttore di Solness Partito dal nulla e arrivato al nulla, passando per il successo, la ricchezza, il potere. Nel dramma che Erik Ibsen scrisse nel 1892, Solness (Umberto Orsini) è un costruttore, un edificatore: lasciato il suo segno nelle chiese solenni, nei campanili svettanti che ha realizzato, e abbandonata poi l’altezza e la verticalità dei suoi edifici, si dedica…
Commenti

Ghost, al Teatro Sistina il musical ispirato al film

La recensione di Ghost al Teatro Sistina Ispirato non molto liberamente al film omonimo del 1990 (con Demi Moore, Patric Swayze e un’irrefrenabile Woopy Goldberg, Oscar come miglior attrice non protagonista), Ghost è una favola metropolitana dei tempi moderni, in cui l’amore vince sulla morte, il bene trionfa, ma non vissero per sempre felici e contenti (un tocco di realismo…
Commenti