In Italia è sempre più boom di matrimoni low cost

A partire dal 2011 il trend dei matrimoni celebrati in Italia si è dimostrato in costante calo, con picchi nelle regioni del Nord. Nonostante questo fatto, l’istituzione del matrimonio non può essere considerata superata e ormai “fuori moda”, come molti affermano in questi tempi. Come tutto, essa si adatta e si modifica a seguito dei cambiamenti che avvengono nella cultura e nella società di riferimento. E se da un lato vi è sempre minor fiducia che lo sposarsi sia garanzia del “per sempre”, dall’altro la contingenza attuale rende necessario che il giorno del si diventi meno dispendioso di quanto poteva essere un tempo. Per cui ci si sposa meno, e allo stesso tempo lo si fa low cost. Tutto il necessario per il giorno del si è infatti ora a portata di acquisto a prezzi veramente competitivi, grazie al web e alla maggiore concorrenza fra gli operatori del settore.

Non è più impensabile trovare un abito per lo sposo al di sotto dei cinquecento euro, oppure una struttura che acconsenta a servire il pranzo a buffet agli invitati, anziché serviti al tavolo. Per non parlare di tutto quanto necessita alla sposa, dal vestito (possibile noleggiarlo), all’acconciatura (realizzabile dalle testimoni grazie all’aiuto di qualche tutorial scaricato dal web), al  servizio del trucco (acquistabile online) a prezzi ridotti. Tutto questo è prova di una maggiore predisposizione degli sposi a mettersi in gioco, e a rinunciare al lusso e all’esagerazione, a favore di maggior sobrietà e autenticità, segno innegabile dei tempi.  E tutto lascia pensare che anche nell’immediato futuro continuerà questa tendenza a spese più ponderate e ad una minore ostentazione.

2 aprile 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook