Washington invitata ad aderire al consenso UE-Cina sulla politica ambientale

Washington invitata ad aderire al consenso UE-Cina sulla politica ambientale
(Fonte: Brussels Morning)

Amburgo – Mercoledì 27 gennaio il presidente Biden ha firmato una serie di cosiddetti ordini esecutivi “esistenziali” per “potenziare” l’azione americana sul clima. Lunedì 25 gennaio, il presidente cinese XI Jinping ha parlato all’evento virtuale di Davos del Forum economico mondiale, chiedendo una collaborazione globale sui cambiamenti climatici, la salute pubblica e la tecnologia. Quasi contemporaneamente, in un discorso programmatico al vertice 2021 sull’adattamento al clima guidato dalle Nazioni Unite, John Kerry, l’inviato per il clima degli Stati Uniti recentemente nominato, ha avvertito che siamo sulla buona strada per la catastrofe climatica e ha chiesto sforzi internazionali congiunti e accelerati per affrontare le crisi gemelle della distruzione della natura e del cambiamento climatico.

Possiamo dire che abbiamo un consenso sull’urgenza della crisi, che è sicuramente meglio che darlo per scontato.

Il rientro degli Stati Uniti nell’accordo di Parigi

Negli anni di Trump, il contesto internazionale sul clima è cambiato radicalmente. Alcune delle più grandi economie mondiali hanno fatto promesse incondizionate e unilaterali impegnandosi a favore della neutralità del carbonio o del clima, mentre l’UE e la Cina hanno intensificato il loro partenariato strategico sull’ambiente e hanno gettato le basi per una riforma climatica più favorevole del sistema economico globale. Attraverso ordini esecutivi nei suoi giorni in carica, il presidente Biden sta allineando gli Stati Uniti al nuovo contesto internazionale.  In un evento online la scorsa settimana, l’ex negoziatore statunitense sul clima Todd Stern ha osservato che il 2020 ha portato un “nuovo consenso” sull’obiettivo di 1,5 gradi, che è lo scenario migliore previsto a Parigi.

Questa ambizione presuppone una transizione accelerata dai combustibili fossili. Sarà necessaria la cooperazione internazionale e questo invita Washington e Pechino a guardare oltre la loro emergente rivalità strategica e la grande competizione di potere.

Coalizione globale sulla neutralità climatica

Per quanto prudenti possano essere, le prime dichiarazioni di Kerry nel suo nuovo ruolo possono suggerire una mossa in questa direzione. Possono le regole comuni sulla decarbonizzazione disinnescare la concorrenza tra Stati Uniti e Cina? Può lo sviluppo congiunto di tecnologie diventare la nuova normalità? Come ci ha ricordato Kerry, “nessuno ha tutte le risposte. Più velocemente raccogliamo informazioni gli uni dagli altri, condividiamo dati, più velocemente possiamo unirci nello sforzo di fare ciò che tutti sappiamo essere necessario”.

La risposta della China

Per far luce sulle prospettive di decarbonizzazione globale e dialoghi sino-americani sul clima, Brussels Morning ha incontrato ZHANG Jianyu, vicepresidente dell’Environmental Defense Fund (EDF) e coordinatore internazionale della Belt and Road Initiative Green Coalition – BRIGC. ZHANG, uno dei massimi esperti cinesi di clima, svolge un ruolo chiave nel plasmare il dialogo sull’azione ambientale dentro e fuori la Cina. ZHANG fa parte di una piccola unità di consiglieri il cui contributo influisce sulla strategia del Partito Comunista Cinese (PCC) e sulla sua leadership. Se l’obiettivo strategico della Cina è costruire la “civiltà ecologica” di XI, ZHANG è una delle persone responsabili della definizione delle pietre miliari necessarie per raggiungere la transizione, non ultimo il Carbon Trading System cinese, il più grande del suo genere al mondo.

Brussels Morning (BM): L’UE e la Cina sono impegnate nel multilateralismo e nel rafforzamento della cooperazione strategica “bilaterale” in materia di clima e ambiente. Il Comprehensive Agreement on Investment, come abbiamo discusso in una recente intervista congiunta con China Daily, incorpora disposizioni sul clima negli accordi economici. Questo potrebbe essere un punto di svolta per un’efficace governance ambientale globale. Tuttavia, questo accade sullo sfondo di accresciute differenze politiche tra l’Occidente e la Cina. Qual è la sua opinione sullo stato delle relazioni UE – USA – Cina?

(Fonte: Brussels Morning)

ZHANG: Negli ultimi anni, gli Stati Uniti si sono ritirati dalla scena mondiale. Attualmente, Pechino e Bruxelles conducono insieme la conversazione sulla cooperazione ambientale globale. Sono lieto di vedere che nella riunione dei leader Cina – Germania – UE lo scorso settembre, le due parti UE e Cina hanno concordato di stabilire un High – Level Environment and Climate Dialogue e un High – Level Digital Cooperation Dialogue, per forgiare le partnership sul green e sul digital.

L’UE è vista dalla Cina come un grande partner e un’importante fonte di slancio. L’ultimo esempio è che la Cina sta lavorando su una visione a lungo termine per affrontare il cambiamento climatico entro la metà di questo secolo. È chiaro che il tanto atteso dialogo UE – Cina è stato un successo e getta le basi per una maggiore cooperazione in futuro.

La cooperazione UE – Cina mette pressione anche sugli Stati Uniti. Mi aspetto che dopo che la Cina abbia annunciato gli obiettivi di “picco prima del 2030” e “neutralità del carbonio prima del 2060”, poiché l’UE aveva annunciato l’obiettivo di “ridurre le emissioni di almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030”, gli Stati Uniti possono seguire le orme della Cina e dell’Europa e promuovere efficacemente l’azione globale per il clima. Gli ordini esecutivi del presidente Biden confermano la mia ipotesi.

Per quanto riguarda le dinamiche degli affari internazionali, il cambiamento climatico è una minaccia globale esistenziale, nonché un’opportunità per sviluppare un’economia più resiliente. Sistemi industriali e tecnologici sostenibili potrebbero definire la fase successiva dello sviluppo umano. Questa crisi può essere risolta solo agendo insieme alla comunità internazionale. Sono fiducioso che l’UE concordi sul fatto che l’azione comune per salvare il clima e gli ecosistemi del pianeta dovrebbe essere intensificata.

BM: Se attuato, il Green Deal dell’UE e l’impegno della Cina porteranno a una trasformazione sistemica delle economie dei due blocchi. Stiamo entrando in una nuova era innescata da una nuova rivoluzione energetica e da una nuova rivoluzione industriale.

Il 14 ° piano quinquennale definirà le misure di attuazione per la Cina, al momento ancora in discussione. Alcuni in Europa dubitano che la Cina abbia la capacità o la volontà politica di raggiungere le emissioni zero in così poco tempo. La matrice energetica della Cina è fortemente dipendente dal carbone; e la Cina investe in carbone e combustibili fossili all’estero. Come risponde a questa critica e quali saranno i percorsi tecnologici ed economici per raggiungere l’impegno del 2060? Lei dice che è possibile inquadrare la BRI come un progetto “unificante” piuttosto che divisivo per un’economia climaticamente neutra. Come?

ZHANG: In primo luogo, voglio essere molto chiaro su questo. Come sanno i nostri partner internazionali, la Cina ha sempre mantenuto i suoi impegni espliciti. Il presidente XI ha fatto una promessa molto chiara. Questo potrebbe essere stato inaspettato per qualcuno anche in Cina. Alcuni potrebbero aver preferito un ritmo più lento; ma dal momento in cui queste parole sono state pronunciate, l’intero paese, il partito, tutti i livelli di governo, tutte le SOE (State Owned Enterprises) e le società private, hanno iniziato a lavorare per garantire che la nostra economia fosse priva di emissioni entro il 2060.

Chiaramente, la transizione verso un’economia a emissioni zero e climaticamente neutra richiede investimenti enormi nell’abilitazione delle infrastrutture e nell’impiego su larga scala di tecnologie. La Cina si sta muovendo in questa direzione. Ad esempio, il Green Finance Committee (GFC) della China Society for Finance and Banking, in collaborazione con la Green Finance Initiative (GFI) di Londra, ha pubblicato i Green Investment Principles (GIP) per Belt and Road con l’obiettivo di incorporare principi di sviluppo sostenibile e di basso uso di carbonio nella BRI incoraggiando le istituzioni finanziarie, le società e istituzioni terze coinvolte a sottoscrivere un codice di condotta volontario. I GIP consolidano sette principi a tre diversi livelli: strategia, operazioni e innovazione. I principi richiedono l’implementazione gerarchica della strategia incorporata, la comunicazione tra le parti interessate e l’utilizzo di strumenti finanziari e pratiche di filiera green, nonché la condivisione delle conoscenze e il rafforzamento delle capacità. A partire dal 2020, il GIP accoglie 37 firmatari e 12 sostenitori da 14 paesi e regioni in tutto il mondo. I principi rappresentano uno dei tanti strumenti e piattaforme efficaci che l’UE e la Cina hanno per gli sforzi congiunti volti a promuovere lo sviluppo green della BRI; non solo per trovare modi per identificare e ridurre i rischi legati al clima, ma anche per creare meccanismi di incentivazione per aumentare gli investimenti nelle industrie rispettose del clima insieme alla BRI. Ciò contribuirà sicuramente a un’economia unificata climaticamente neutra basata sui principi consolidati.

BM: In una recente intervista ha anche fatto riferimento all’importanza del finanziamento del clima e del funzionamento dei mercati del carbonio per una BRI green e a basse emissioni di carbonio. Può approfondire?

ZHANG: Il prezzo del carbonio è un elemento essenziale per promuovere investimenti e finanziamenti per il clima insieme alla BRI. L’istituzione del mercato del carbonio BRI e meccanismo di determinazione del prezzo del carbonio costituirà la base per gli investimenti green e a basse emissioni di carbonio. Allo stesso tempo, vorrei sottolineare che EU ETS, California e RGGI hanno una vasta esperienza sullo scambio di emissioni di carbonio, mentre l’ETS nazionale cinese ha appena aperto le sue attività. UE, USA e Cina potrebbero sfruttare la loro esperienza per aiutare i paesi BRI a stabilire mercati del carbonio. Questo potrebbe essere un elemento aggiuntivo per la più ampia piattaforma climatica che inizia con l’UE e la Cina ma è aperta a tutte gli stakeholder della comunità internazionale. Guardando al futuro, il collegamento dei mercati del carbonio che coprono l’UE, gli Stati Uniti, la Cina e i paesi BRI definirà una sorta di “meccanismo di mercato” fondato su sforzi congiunti per promuovere la BRI verde e a basse emissioni di carbonio.

BM: Vorrei tornare a quello che ha detto sul picco di emissioni della Cina. Prima della promessa di XI, la parte cinese avrebbe indicato che le emissioni avrebbero raggiunto il picco “intorno al 2030”. Quando si passa da “intorno al 2030″ a ” entro il 2030 “, il messaggio è urgenza. È giusto?

ZHANG: Questo è molto vero. Voglio anche sottolineare che l’attenzione su uno sviluppo economico di alta qualità, che richiede una struttura energetica a basse emissioni di carbonio, e la nuova dottrina della “doppia circolazione” saranno elementi importanti nella transizione verso un’economia a emissioni zero e climaticamente neutra in Cina e in tutto il mondo. Ma per quest’ultima, dobbiamo lavorare con tutti i nostri partner internazionali. Il raggiungimento del picco di emissione significa che dobbiamo necessariamente adottare un modello di sviluppo di alta qualità.

BM: L’UE sta rimodellando la propria struttura economica e il proprio modello economico, come segnalato dalle caratteristiche del nuovo Green Deal.

ZHANG: Esatto, e questo vale anche per la Cina.

Il punto in cui ci troviamo è una fase di sviluppo diversa rispetto alle economie europee.

La struttura energetica deve subire cambiamenti fondamentali attraverso l’ottimizzazione del consumo di energia, il controllo rigoroso del consumo totale di carbone, la fine dell’installazione di ulteriori centrali elettriche a carbone e la garanzia che l’energia rinnovabile e pulita rappresenti un’alta percentuale del mix energetico complessivo. Ciò contribuirà anche a migliorare la qualità dell’approvvigionamento energetico e a ridurre o addirittura eliminare gli investimenti nell’energia ad alto tenore di carbonio. Le implicazioni sociali, tuttavia, sono enormi. E devono essere affrontate.

BM: L’impatto sociale della transizione è stato un punto sollevato dagli studenti durante una conferenza tenuta dal VP dell’UE Frans Timmermans a Tsinghua. Ricordo che Timmermans fece paragoni tra il Limburgo meridionale, sua provincia di nascita nei Paesi Bassi, e le province carbonifere in Cina.

ZHANG: Sì, la transizione non deve lasciare indietro nessuno, altrimenti sarà un fallimento. Sono lieto che lei abbia menzionato Tsinghua, che è estremamente importante nel discorso politico in Cina. L’ICCSD dell’Università di Tsinghua, guidata dall’ex ministro dell’ambiente e dal negoziatore climatico XIE Zhenhua, sta guidando il lavoro nazionale e internazionale sulla sostenibilità e la transizione energetica.

BM: In ottobre l’ICCSD ha rivelato in un importante documento politico come la Cina potrebbe raggiungere il suo obiettivo di “neutralità del carbonio”, comprese tutte le emissioni di gas serra (GHG). Lo studio presenta un percorso compatibile con la possibilità di contenere il riscaldamento globale al benchmark di 1,5 gradi. Stiamo raggiungendo una nuova pietra miliare politica?

ZHANG: Credo che il livello di ambizione possa essere innalzato e che il 14 ° FYP possa mirare alto e mettere l’economia cinese sulla buona strada per un ruolo di primo piano, insieme all’UE e tutte gli stakeholder che vogliono unirsi allo stesso livello di ambizione, nell’economia post-fossile.

Ritengo che la Cina possa agire anche meglio del tradizionale percorso di 1,5 gradi, che richiede un’azione progressiva per il clima prima del 2030 e una transizione molto rapida dal 2030 al 2050.

Chiediamo un percorso di transizione “FLR” alternativo e un approccio aggressivo, perseguendo una transizione più veloce e robusta.

Il percorso FLR 1.5C che stiamo sostenendo è robusto, poiché la riduzione di CO2 sarà guidata dallo sviluppo di alta qualità che deriva dalla fondamentale rivoluzione nella produzione e nel consumo di energia e dal progressivo cambiamento nella struttura economica e industriale.

L’economia deve abbandonare l’industria pesante ad alta intensità energetica. Il consumo, invece degli investimenti, sarà la forza trainante della nuova economia. Con ricche riserve di carbone e scarse risorse di petrolio e gas, la sostituzione del carbone con petrolio e gas potrebbe non avere la priorità a causa di problemi di sicurezza energetica. Tuttavia, si punta verso l’uso di nucleare, solare, eolico e altre fonti rinnovabili localizzate nel futuro mix energetico.

 

Contenuto in partnership con Brussels Morning Newspaper
Traduzione di Alberto Giordano 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook