Inter – Cagliari: intervista a Marco Sau, autore dei due gol rossoblu

L’arbitraggio insufficiente di Giacomelli in Inter – Cagliari farà sicuramente discutere in settimana, ma non toglierà certo lustro alla magnifica doppietta di Marco Sau, la prima in serie A per il calciatore sardo. Nel post-partita i microfoni di 2duerighe hanno intercettato l’eroe di giornata rossoblu per un’intervista a caldo:

Cosa hai pensato nel momento in cui hai realizzato la rete della tua doppietta personale?
Niente, era talmente emozionante che non ho pensato a niente. Solo dopo, a freddo, sono riuscito a realizzare quel che avevo fatto. Non capita tutti i giorni di segnare una doppietta a San Siro”.

 

Due gol da vero centravanti…
La prima rete è arrivata a coronamento di una bella azione. Cossu ha messo dentro una palla bellissima e io l’ho presa istintivamente, da attaccante. Sulla seconda volevo tirare subito, ho perso l’equilibrio ma sono riuscito a sterzare e ad insaccare. Ho provato a girarla ed è andata bene“.

Pensi che dopo questa doppietta si possa creare il problema di pensare di essere arrivato?
Non l’ho mai pensato e forse è questo il mio punto di forza. Io miro a migliorarmi quotidianamente“.

A chi dedichi i due gol?
Alla mia ragazza, Giada, a chi mi sta vicino e a chi mi vuol bene, ma non a quelli che mi vorranno bene dopo questa doppietta, perché loro arrivano tardi e se ne vanno presto“.

Pensi che questo pareggio rappresenti per il Cagliari un punto guadagnato oppure due punti persi?
Sinceramente non te lo so dire. Un punto guadagnato a San Siro è comunque qualcosa di importante, però per come si era messa la gara fino al 35′ del secondo tempo è normale che ti resti un po’ di amaro in bocca. Ma va bene così“.

Ora si riparte subito con il Napoli, un’altra gara contro un avversario d’alta classifica…
Sì, ma per noi calciatori è diverso, noi affrontiamo questo tipo di partite come tutte le altre, anche se sappiamo che sarà difficile“.

 

Giuseppe Ferrara (inviato al Meazza)
18 novembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook