Partono i deferimenti nel calcio. Delicata la posizione di alcune squadre di A e alcuni tesserati

di L. R.

Nel calcio miliardiario arrivano  i primi deferimenti. Dopo il calcio scommesse bis scoppiato alcuni mesi fa, sono diverse le società coinvolte nello scandalo ;  11 sono di Lega pro, 3 di B e alcune di A, per un totale di 18 club e 26 tesserati. Le richieste del pm Stefano Palazzi vanno dall’associazione finalizzata all’illecito alla responsabilità diretta di alcune società, tra cui l’ Atalanta che potrebbe essere penalizzata dalla giustizia sportiva, partendo dal prossimo campionato. Decisivo il processo che inizierà il 3 Agosto, anche se una sentenza definitiva la si avrà solo dopo i successivi gradi di giudizio. Non molto grave la posizione del Chievo, l’altra squadra di A accusata negli illeciti, dal momento che Bettarini, immischiato nella vicenda, figura solo come un tesserato clivense, cioè iscritto in società solo per motivi d’ immagine. Fuori pericolo il Siena e il Lecce.

Particolarmente delicata la posizione del capitano dell’Atalanta Cristiano Doni, deferito per illlecito sportivo in relazione alla gara Atalanta- Piacenza  del 19 marzo 2011. Il giocatore, insieme a tutti gli altri deferiti per illecito sportivo, rischia tre anni di squalifica. Tra gli altri club che rischiano pesanti punizioni, c’è anche l’Ascoli con alcuni suoi tesserati. Fuori pericolo sono Sassuolo e Hellas Verona.  In Lega Pro, invece, solo Alessandria e Ravenna potrebbero andare incontro a sentenze poco piacevoli.

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook