La misteriosa serranda di Via dei Reti. La curiosa trovata di HB tra arte e comunicazione

La misteriosa serranda di Via dei Reti. La curiosa trovata di HB tra arte e comunicazione

Quella che stiamo per raccontare è la storia di una serranda, (quella che vedete sopra nella foto) che si presenta prima come epifania, poi come arte ma poi si scopre essere una brillante e riuscitissima campagna di comunicazione. 

Vuoi saperne di più? Segui il bianconiglio con noi.

Animated GIF - Find & Share on GIPHY

Roma, Via dei Reti 60, zona San Lorenzo. Da qualche anno questa per tutti i romani è la sede di HB Production una società molto cool di graphic design, eventi e comunicazione con una forte vocazione artistica legata all’underground e all’urban art.

Insegna barrata, serranda chiusa, tinta di nero in segno di lutto.

“Ecco, è chiaro un’altra vittima del Covid-19”.

Questo ho pensato appena sono passata lì con la macchina qualche giorno fa mentre mi recavo in redazione ed è quello che avrebbero pensato tutti passando distrattamente.

Ma poi un QR code con una domanda spostante ha letteralmente catturato la mia attenzione: “secondo te questa serranda è davvero chiusa?”. Questo l’enigma posto dalla scritta sottostante.

BAM.

Per chi come me ama Magritte, Matrix e Alice nel Paese delle Meraviglie questo era un segnale troppo forte per poter far finta di nulla. Quindi mi sono fermata, sono scesa dalla macchina e con irrefrenabile curiosità mi sono avvicinata alla serranda per compiere l’azione che la natura stessa di un QR code chiede.

[Piccola nota a piè di pagina: ma come gli è venuto in mente di dipingere un QR code su una serranda, solo questo merita 90 minuti di applausi]

Più mi avvicinavo e più avevo la sensazione che dietro quel segno si nascondesse qualcosa di molto fico e intrigante e che l’azione che stavo per compiere, come si dice a Roma, sarebbe stata una grossa presa abbene.

L’ho fatto e qui mi fermo perché spoilerare quello che è successo dopo toglierebbe un po’ di poesia a quella che poi ho scoperto essere un’operazione a mio avviso geniale, non solo sul fronte della comunicazione.

Quello che posso dirvi però è che da lì è iniziata un’intrigante caccia al tesoro che mi ha portato a scoprire…

Ve lo dirò successivamente, seguiteci su Instagram (2duerighe) e scriveteci in direct #seguilbianconiglio per avere il seguito dell’articolo.

Ah! Vi dico un trucco, il QR code funziona anche dalla foto, ma se potete vi consiglio comunque di andare in Via dei Reti 60 perché quella serranda sarà visibile solo fino al 9 agosto e un selfie lì potrebbe essere una testimonianza dal sapore iconico e la prova provata di essere un early discovery di razza.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook