Rimpasto nella giunta di Palazzo Marino. Pisapia revoca la delega a Boeri

Come annunciato al governo cittadino di Milano c’è stato un rimpasto nella giunta.  Il sindaco Giuliano Pisapia ha nominato tre nuovi assessori: Francesca Balzani, con delega al Bilancio, Carmela Rozza con delega ai Lavori Pubblici e Filippo Del Corno, che sarà il nuovo assessore alla Cultura in  sostituzione di Stefano Boeri, a cui  evidentemente è stata revocata la delega nonostante lo stesso si fosse premurato, qualche giorno fa, di precisare che tra lui e il primo cittadino tutto era a posto.
Ora commentando la decisione del sindaco, sulla sua pagina Facebook, l’assessore Boeri ha scritto: “Giuliano Pisapia ha revocato il mio incarico di Assessore del Comune di Milano.

In questi due anni ho fatto del mio meglio insieme ai colleghi d Giunta, ai dirigenti, ai consulenti e agli uffici del mio assessorato per rilanciare la cultura a Milano . E a Milano, grazie alla rinnovata energia creativa di decine di cittadini, associazioni, istituzioni, oggi si respira l’aria nuova di una città che ha riscoperto l’orgoglio di una grande capitale internazionale. Sono amareggiato per una decisione che non mi è stata motivata, che mi è davvero difficile interpretare e che rischia di compromettere importanti progetti per il futuro della città. La cultura per Milano non è un lusso, ma una risorsa fondamentale per lo sviluppo”.
Pronto e caustico, come sempre il commento di Riccardo De Corato dell’opposizione: “Il rimpasto  di Pisapia rappresenta una resa dei conti rispetto all’ex Assessore alla Cultura Boeri, che ora finalmente è riuscito ad eliminare dalla Giunta. L’unico Assessore che era in grado di fargli fronte essendo stato il più votato a Milano di tutti Consiglieri. Inadeguato perchè alla Rozza non viene data la delega per cui è competente come la Casa, che viene data alla Benelli. Inadeguato perchè al Bilancio resta un Assessore a mezzo servizio come era Tabacci …..”.
Non meno polemico il commento di Manfredi Palmeri, ex candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative, che così ha dichiarato: “il rimpasto così gestito, così compiuto e così comunicato è l’ennesima prova dell’incapacità, dell’incoerenza e dell’inaffidabilità del Sindaco Pisapia. Ne parleremo domani in Aula davanti alla Città, chiedendo al Sindaco di giocare sui temi fondamentali della Città a carte scoperte”.
Non ci resta che attendere gli sviluppi auspicando che non vi sia una crisi nella giunta, perchè è l’ultima cosa di cui Milano ha bisogno in questo momento.

Sebastiano Di Mauro
18 marzo 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook