Shoah. Posa di un Cippo commemorativo per il piccolo Alfredino Winter

La cerimonia nei giardini di Piazzale Martini in ricordo del piccolo deportato ad auschwitz

In occasione della commemorazione della Shoah, tra le tante iniziative, il Comune di Milano ha voluto ricordare il piccolo Alfredino, che all’età di  9 anni e tre mesi venne deportato, insieme alla mamma e alla nonna, prelevandolo dalla sua abitazione di  via Luisa Sanfelice 12, vicino ai giardini di piazzale Martini, ad Auschwitz. Nel corso della cerimonia di commemorazione, tenutasi questa mattina, per ricordare il piccolo Alfredino Winter si procedeva ad inaugurare la posa di un cippo,che da ora in avanti farò memoria ai frequentatori dei giardini di piazzale Martini, del sacrificio di questa vittima innocente.

Il bambino, infatti, fu ucciso il 30 giugno 1944 solo perché di origine ebraica. Tutti i bambini sotto i 15 anni, venivano immediatamente uccisi una volta giunti nel campo di sterminio o finivano come “cavie” umane nel laboratorio di Mengele, il medico criminale nazista.

Alla manifestazione, accompagnata dalla Banda civica del Comune di Milano, erano presenti numerosi rappresentanti dell’Amministrazione e della Comunità ebraica di Milano.

Sebastiano Di Mauro
29 gennaio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook