Tutti in piazza per il San Babila e poi aperitivo per tutti

Così come annunciato Gennaro D’Avanzo non demorde e, con la tenacia della sua passione, difende il personale  del suo teatro opponendosi con tutte le sue forze alla chiusura forzata del San Babila, il teatro che da anni dirige.
Così domenica 10 febbraio alle ore 10.15 in Piazza San Babila i 16 dipendenti del Teatro faranno un sit-in di protesta contro la chiusura del teatro e la perdita del proprio posto di lavoro.
D’Avanzo nel suo comunicato precisa, che questa protesta, definita da Mons. Gandini “populista”, è rivolta anche alle affermazioni effettuate negli scorsi giorni dal parroco che ha sostenuto di voler continuare l’attività teatrale e di non voler licenziare nessuno, lamentando anche accuse nei suoi confronti infondate.

La manifestazione promossa da Gennaro D’Avanzo  vuole essre una  provocazione a Mons. Gandini perchè  dia alcune risposte a dei quesiti che nascono dalla lettura della sentenza delle corte di Appello di Milano:
Se ha affittato un’azienda, come si chiama la Sua azienda e perchè non assume lui i 16 dipendenti della TI.ESSE.BI?
Perchè è stato chiuso l’Oratorio dei bambini per dare spazio ad una palestra per ricchi?
Dove si tengono le attività di Catechesi, coro liturgico e animazione da lui proposte come attività?
L’appuntamento dunque vicino all’Obelisco della Piazza  dove si esibiranno un tenore e una soprano accompagnati da alcuni elementi dell’Orchestra Sinfolario e altri artisti con esibizioni di cabaret.
Finita la manifestazione di protesta tutti invitati al mini-varietà con aperitivo che si terrà in Teatro con Gennaro D’Avanzo, il cabarettista Walter Di Gemma, il pianista Pasquale Sessa, ballerine di flamenco e altri artisti sorpresa a prezzo speciale di € 8,00 anzichè € 15,00
Partecipare alla manifestazione, vorrà dire NO alla morte della cultura, perchè è importante appoggiare questa lotta spontanea in difesa del Teatro che non deve chiudere sostenendoci con la propria presenza.
Si ricorda anche che è stata presentata un’istanza al Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, protocollo numero PG 97002/2013, da parte del Comitato “Salva Teatro San Babila” per richiederne un intervento in merito alla situazione del Teatro San Babila.
Il Comitato si è formato in maniera spontanea, costituito dallo scrittore Edmondo Capecelatro e dal tenore Arturo Testa, e in soli 5 giorni ha raccolto più di mille firme. Ad esso hanno aderito anche diversi attori, quali: Massimo Dapporto, Vanessa Gravina, Debora Caprioglio, Anna Mazzamauro, Gianfranco D’Angelo, Francesco Paolantoni…
Gennaro D’Avanzo ringrazia anticipatamente l’On. Valentina Aprea, Assessore alla Cultura della Regione Lombardia, che martedì 12 febbraio, in occasione della prima rappresentazione de “Gl’Innamorati” , farà un intervento a favore della Cultura. L’Assessore, che aveva già presentato un disegno legge alla Camera quando era Presidente della Commissione Cultura, illustrerà un disegno di legge che sarà presentato in Regione a favore dei luoghi di cultura che rischiano la chiusura a Milano e il Lombardia.

Sebastiano Di Mauro
8 febbraio 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook