Manovra: Bombe carta alla manifestazione a Montecitorio

Mentre questo pomeriggio era in corso l’approvazione della manovra davanti a Montecitorio una manifestazione ha visto impegnate le forze dell’ordine per arginare  lancio di fumogeni, bombe carta e fuochi d’artificio: Segno del disaccordo dei manifestanti. La polizia ha poi caricato i manifestanti davanti alla Camera spingendoli ad attraversare le vie interne fino al Pantheon dove si è disperso. Durante gli scontri sono stati rovesciati motorini, secchioni dell’immondizia e lanciate interiora di animali in segno di protesta, un po’ a rappresentare una “morte interna”.

Arrivati al Pantheon gridando “la gente come noi non molla mai” hanno dato vita a un corteo spontaneo per arrivare poi a largo Argentina e Piazza Venezia urlando:  “noi la crisi non la paghiamo. Berlusconi vattene. Alemanno pezzo di m…”.
Laca Cafagna, dell’Unicommon Roma, ha dichiarato che: “Ci sono almeno 10 feriti tra i manifestanti per le cariche della polizia. Le forze dell’ordine hanno avuto una reazione spropositata. Sono state colpite con i manganelli anche donne. Anche una madre di famiglia è stata spinta ed è caduta per terra. Tutto questo perché protestano contro una manovra non condivisa che colpisce giovani precari e non favorisce sviluppo. Serve grande mobilitazione in autunno in vista dell’appuntamento del 15 ottobre”.
Alla manifestazione hanno partecipato un centinaio di persone che hanno paralizzato il traffico per ore, il corteo si è sciolto solo verso sera quando si è diretto verso il Colosseo per un breve comizio per fare il punto della situazione.

 

di Enrico Ferdinandi


14 settembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook