Vaudeville! Atti unici, i vizi piccoli piccoli dei borghesi

Vaudeville! Atti unici, i vizi piccoli piccoli dei borghesi

Al Teatro Franco Parenti di Milano, dal 30 Giugno – 4 Luglio 2021 va in scena Vaudeville! Atti Unici da Eugène Labiche. Roberto Rustioni, che firma ideazione, regia e insieme a Chiara Boscaro la drammaturgia, propone al pubblico tre atti unici ispirandosi infatti all’opera di Eugène Labiche. Il drammaturgo francese dell’800 (nasce a Parigi nel 1815 e vi muore nel 1888), è un grande maestro di Vaudeville. Il suo teatro è comico, fresco, leggero basato su intrigo e satira.

La sua comicità ruota attorno a tre poli: quella dei personaggi, delle situazioni e del linguaggio. Rustoni li rispetta tutti insieme a ritmo, impianto scenico, ricchezza di linguaggio, cosa che consente di sfruttare tante tecniche di comicità. I bravissimi attori che ne amplificano la portata sono:  Francesca Astrei, Luca Carbone, Loris Fabiani, Paolo Faroni, Laura Pozone. Si muovono su scene mobili che vengono cambiate dagli attori stessi alla fine di ogni singolo atto, realizzate da Paolo Calafiore.

Li incontriamo in tre situazioni che ruotano attorno a “piccoli vizi borghesi”: una casa misteriosa abitata da una coppia ambigua, con un singolare maestro di canto; un matrimonio caotico che “non sa da fà” tra metafore antimatrimoniali di oche e lama; una scappatella notturna che si tinge di giallo, tra poesia, svariate sniffate di coca e stivaletti leopardati.

Vaudeville! Atti Unici: i vizi borghesi

I personaggi sono tutti “borghesi”. In una lettera a Le Figaro, del 1880, Labiche scrive infatti di essersi messo a studiare l’uomo borghese perchè è come un “animale” inesauribile, un pozzo di stupidaggini, privo di grandi vizi solo con qualche difetto. Poichè però, in fondo in fondo resta una creatura buona, la bontà del suo animo consente alla commedia di conservare gaiezza e riso. Siamo ancora nel positivismo ottocentesco. Qualche anno dopo, negli stessi personaggi, Pirandello troverà altro.

La comicità delle situazioni nasce proprio nell’avvicinarsi a questi “vizi”. Gli attori in scena al Teatro Parenti infatti, più di una volta si indirizzano al pubblico per renderlo partecipare delle loro azioni o per sottolineare la sua, (del pubblico) “indesiderata” ingerenza. Il meccanismo scenico di Labiche ripreso dalla regia, consente infatti di avvicinarsi a tal punto a loro, da entrare nel meccanismo comico.

È li, da questa scoperta corale, che nasce la risata corale che riempie la sala.

La comicità del linguaggio la ritroviamo nell’uso dei dialetti dei bravissimi attori, nei qui pro quo, nella confusione dei modi di dire.

Teatro Franco Parenti

Via Pier Lombardo 14, 20135 Milano MI

Vaudeville! Atti Unici da Eugène Labiche

Vaudeville! Atti unici

ideazione, drammaturgia e regia Roberto Rustioni

dramaturg Chiara Boscaro

interpreti Francesca Astrei, Luca Carbone, Loris Fabiani, Paolo Faroni, Laura Pozone

scene Paolo Calafiore

luci Riccardo Grippo

costumi Francesco Esposito

musiche originali Luca Nostro

assistente alla regia e alla drammaturgia Ida Treggiari

un ringraziamento a Chiara La Ferlita

produzione Fattore K. / Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Napoli Teatro Festival Italia

si ringraziano Olinda-TeatroLaCucina / La Confraternita del Chianti / il Teatro del Buratto


Date e orari

mercoledì 30 Giugno h 19:30

giovedì 1 Luglio h 19:30

venerdì 2 Luglio h 19:30

sabato 3 Luglio h 19:30

domenica 4 Luglio h 17:30


Prezzi
I settore > intero 30€
II settore > intero 22€; under26/over65 15€; convenzioni 18€
III settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook