Esplosione ad Ankara, almeno 37 morti

Esplosione ad Ankara, almeno 37 morti
La mappa dell'attentato

ANKARA- Un’autobomba è esplosa contro un bus, vicino a piazza Kizilay, una zona centrale della capitale turca. Almeno 37 morti e 125 feriti. Delle vittime, 23 sono morte sul luogo dell’attacco e altre 4 mentre venivano trasportate in ospedale.

La mappa dell'attentato
La mappa dell’attentato

Il governatore della capitale ha dichiarato che “La deflagrazione è stata causata da un veicolo imbottito d’esplosivo”. Dopo l’attentato il Consiglio Supremo della radiotelevisione (RTÜK) ha dichiarato il divieto di trasmissione delle immagini della scena dell’attacco e delle vittime.

L’attacco non è stato ancora rivendicato, ma stando ai primi riscontri si pensa che l’attentato sia stato compiuto dal PKK. 

La Farnesina intanto rende noto che si stanno effettuando delle verifiche volte ad accertare l’eventuale coinvolgimento di italiani nella strage.

L’attentato di Kizilay è solo l’ultimo di una lunga serie di attacchi verificatesi negli ultimi mesi in Turchia (Diyarbakir, 6 morti; Istanbul, 12 morti; aeroporto di Istanbul, 1 morto; Istanbul, 5 feriti; Ankara, 102 morti; Suruç, 33 morti e Diyarbakir, 4 morti). Il governo di Erdoğan è accusato dell’opposizione di non saper gestire la sicurezza del Paese e di approfittare della situazione per limitare ulteriormente diritti e libertà della stampa e dell’opposizione.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook