Russia: uomini di Putin contro manifestanti

A poche settimane dalle elezioni presidenziali del quattro marzo in Russia, gli organizzatori delle personalità della televisione, della cultura e della società civile, chiamano a una manifestazione per una Russia forte, libera e indipendente e contro una rivoluzione pro occidentale sul modello di quella ucraina del 2004. Ma dei funzionari sotto copertura grazie all’anonimato, dicono di subire delle pressioni o di vedersi proposto dei soldi per partecipare alla riunione di folla a Poklonnaia Gora, una vasta piazza circondata da un grande parco nella capitale russa”.

Un infermiera di Zelenograd, periferia di mosca, ha spiegato che “ chi andrà laggiù prenderà circa 3000 Rubli ( circa 98$)”. Un infermiera percepisce in media 20.000  Rubli al mese (653$).” Non ci andrò mai. D’altra parte il sabato lavoro e non sostengo questa manifestazione ma quindici colleghi andranno sicuramente” ha successivamente dichiarato l’infermiera russa. Gli organizzatori di questa manifestazione sperano di riunire 50.000 persone mentre l’opposizione conta di riunire alla stessa ora nel centro città la stessa quantità di persone per chiamare le prossime elezioni presidenziali all’onestà. Un organico di consultazione sui diritti dell’uomo nei pressi di Kremlin ha indicato di aver aperto un numero di telefono speciale per raccogliere testimonianze di insegnanti che subiscono pressioni per andare a partecipare alla manifestazione. Da mercoledì, 140 chiamate sono state ricevute, la maggior parte anonime, di insegnanti preoccupati della possibilità di perdere il posto di lavoro. “ Noi siamo in Russia, la gente ha moltissima paura” ha spiegato Serguei Volkov, un membro di questa organizzazione che rigetta l’eventualità che gli insegnanti siano considerati come servi. Delle testimonianze anonime pubblicate da reti sociali sul sito dell’organizzazione Golos, che recensisce le frodi commesse durante le elezioni e la campagna elettorale rappresentano uno stato della situazione simile in altre istituzioni pubbliche. “ Il servizio postale di Mosca ha ricevuto l’ordine di inviare 3500 persone alla manifestazione per Putin a che si terrà a Mosca il 4 febbraio sotto la pena di sanzioni di fronte al rifiuto, secondo quanto trapelato da Golos. Il porta parola della manifestazione, Alexandre Mikhailov ha assicurato di non essere assolutamente a conoscenza di queste pressioni smentendone l’esistenza. “ Il comitato organizzatore non impartisce questa tipologia di ordini. Se tali cose capitassero realmente la responsabilità e delle autorità locali”. In una manifestazione di contestazione senza precedenti dopo l’avvento al potere di Putin nel 2000, delle decine di migliaia di Russi hanno manifestato a Mosca in due riprese nel 2011 per denunciare le legislative del 4 dicembre segnate da frodi massicce.        

Manuel Giannantonio

4 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook