Policoro, riapre il Cinema Hollywood

Un inatteso regalo natalizio per gli abitanti di Policoro: sabato 15 Dicembre il cinema “Hollywood” riapre i battenti con “Tutto tutto niente niente”, film di Giulio Manfredonia con Antonio Albanese. Alle 18 è prevista una cerimonia inaugurale alla presenza delle autorità cittadine e a seguire la programmazione.

Un cinema nella cittadina lucana. Sarà la volta buona?
È lecito nutrire qualche dubbio, in virtù del travagliato rapporto di Policoro con la celluloide. Negli anni 80 la chiusura dell’indimenticato cinema “Graziella”. Da allora il buio, lustri in cui un aficionado di pellicole, per gustarsi due ore in poltrona, deve andare a Francavilla, Montescaglioso o addirittura Matera. Percorrere almeno 50 chilometri per vedere un film è una situazione al limite del paradosso, per un discreto bacino d’utenza come quello della fascia ionica lucana e non solo, considerando la vicinanza del confine calabrese. Ottima occasione per promesse elettorali di politici d’ogni colore, eppure per vent’anni il sogno di avere un cinema a Policoro resta tale.

Qualcosa si muove nel 2002, quando una cordata di imprenditori locali dà vita al “Summertime”, complesso comprendente discopub, sala da bowling e, appunto, cinema. Da allora i 325 posti della sala di via Lido rimangono disponibili (nonostante la
singolare “chiusura estiva”) per quasi sette anni. Stessa sorte non tocca a discopub e bowling, che dopo un discreto inizio conoscono un rapido fallimento.

Nel 2009 il blocco totale delle proiezioni. Gli appelli dei cittadini per la riapertura del cinema rimangono inascoltati: amministrazione comunale assente, aste fallimentari andate deserte cadono nel disinteresse. Nessuno sembra interessato alla struttura che tante aspettative, ludiche ed occupazionali, aveva creato nel Metapontino.

Poi il progetto sembra ripartire: nel maggio 2011 un nuovo inizio, ma è un fuoco di paglia. Ora l’annuncio dell’ennesimo tentativo, quasi a sorpresa.

Sarà la volta buona?

 

Nunzio Lapolla
15 dicembre 2012

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook