Il Napoli si fa il regalo di Natale: la Supercoppa è degli azzurri

Il Napoli si fa il regalo di Natale: la Supercoppa è degli azzurri

Una grande finale di Supercoppa regala al Napoli il primo titolo stagionale al termine di una sfida combattuta, vibrante e ricca di emozioni. Soltanto i calci di rigore decretano la vincitrice, dopo 120 minuti termina 2-2, una gara caratterizzata dagli acuti di Higuain e Tevez autentici leader e uomini gol formidabili. Il Napoli ha il merito di crederci fino alla fine, la Juve invece la colpa di non chiuderla, per Benitez è il decimo trofeo in carriera per gli azzurri la rivincita dopo la sconfitta di Pechino dell’agosto 2012.

Allegri sceglie la formazione tipo con Evra a sinistra, rombo a centrocampo e Llorente-Tevez in attacco; Benitez risponde con il classico 4-2-3-1 con De Guzman, Callejon e Hamsik a supporto di Higuain.

Subito Tevez – Quattro minuti di gioco e la Juventus accende la finale trovando il vantaggio: svarione della difesa azzurra, Koulibaly e Albiol intervengono entrambi sul pallone e l’argentino si trova la strada spianata verso Rafael che batte con un destro preciso. La risposta partenopea è praticamente immediata e si concretizza con Hamsik che prima tenta un destro alto sulla traversa mentre al 15’ centra il palo su una respinta di Chiellini. Al 22’ Juve ancora pericolosa: lancio di Pirlo, sponda di testa di Llorente per l’accorrente Tevez che dal limite calcia forte al volo e impegna Rafael. Al 26’ il Napoli torna a premere ed è sempre Hamsik a impensierire la retroguardia bianconera, si districa bene al limite dell’area ma il destro è impreciso e finisce a lato. La partita rimane aperta e gradevole malgrado i ritmi non siano altissimi, al 37’ bella combinazione Tevez-Lichtsteiner sulla destra con lo svizzero che impegna Rafael con una conclusione potente. Il Napoli cerca il pari e insiste, l’ultimo assalto della prima frazione è ad opera di Higuain che chiama all’intervento Buffon con un destro a giro.

Higuain trascina gli azzurri – I secondi 45 minuti iniziano senza cambi e con gli stessi effettivi in campo, il Napoli riparte subito forte e sfiora il pari con Callejon sugli sviluppi di un contropiede, lo spagnolo però fallisce l’occasione e non inquadra la porta davanti a Buffon. Al 15’ lancio di Hamsik ad imbeccare Higuain che con un pallonetto morbido colpisce il palo. Per il “Pipita” però è solo questione di minuti perché al 22’ De Guzman lavora un gran pallone sulla sinistra e trova la testa dell’argentino che batte Buffon per l’1-1. La reazione juventina è timida, ci prova Llorente di testa ma la mira non è delle migliori, Benitez inserisce anche Mertens al posto di Hamsik mentre Allegri risponde con Padoin per Lichtsteiner. Nessuna delle due squadre trova lo spunto, l’occasione che vale la coppa capita sui piedi di Tevez al novantesimo ma l’argentino non riesce ad indirizzare il pallone verso lo specchio della porta. Finisce 1-1 e come a Pechino nel 2012 si arriva ai supplementari.

Tevez e Higuain: ancora loro – Il primo supplementare è tutto di marca juventina, ci prova Pogba due volte ma Rafael si fa trovare sempre pronto. La grande opportunità capita sui piedi di Vidal che a botta sicura calcia in porta con Koulibaly che respinge sulla linea salvando il risultato. All’inizio del secondo extra-time Allegri butta dentro anche Morata per Llorente ma è sull’asse Pogba-Tevez che la Juve trova il 2-1: l’argentino si gira e fulmina con un destro preciso Rafael. Il Napoli non accusa il colpo perché reagisce subito, prima Higuain è ipnotizzato da Buffon mentre su una indecisione di Bonucci non ne approfitta Callejon. A due minuti dal 120esimo però arriva la zampata ancora di Higuain che in mischia risolve e firma il 2-2 mandando tutto ai rigori.

Rigori – Jorginho sbaglia il primo tentativo e Tevez colpisce il palo. Subito dopo inizia una sequenza perfetta di rigori, si va ad oltranza e la Juve fallisce due volte il match-point con Chiellini e Pereyra. Alla fine, al nono tentativo, Koulibaly segna con l’aiuto del palo mentre l’esecuzione di Padoin è parata da Rafael che regala al Napoli una Supercoppa sofferta e tirata, molto probabilmente ancora più bella.

 

Meritano 2duerighe

 

Tevez e Higuain: gli unici due veri fuoriclasse del campionato danno vita ad un duello a distanza fantastico. Una doppietta a testa, trascinatori delle rispettive squadre, come sempre decisivi.

 

Callejon: prosegue il momento opaco dello spagnolo. Fallisce due occasioni enormi, non è il giocatore che abbiamo imparato ad apprezzare negli ultimi 15 mesi.

 

Tabellino

 

Juventus – Napoli 2-2 (7-8 d.c.r.)

 

Juventus (4-3-1-2): Buffon, Lichtsteiner (79’ Padoin), Bonucci, Chiellini, Evra, Pirlo (67’ Pereyra), Marchisio, Pogba, Vidal, Tevez, Llorente (105’ Morata).

All: Allegri.

 

Napoli: (4-2-3-1): Rafael, Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Gargano, David Lopez (90’ Inler), De Guzman (105’ Jorginho), Hamsik (78’ Mertens), Callejon, Higuain.

All: Benitez.

 

Marcatori: Tevez 5’ e 106’, Higuain 67’ e 118’.

Ammoniti: Higuain, Callejon, Mertens, Albiol, Ghoulam (N), Pereyra, Tevez (J).

Arbitro: Valeri (RM).

 

Matteo Ciofi

22 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook