Gol e spettacolo all’ olimpico : è 2-2 tra Lazio e Udinese

Partita giocata meglio dai padroni di casa che vanno, però, sotto alla mezz’ora del primo tempo,poi, ribaltano la partita con il solito Klose. Nel finale arriva l’amaro pareggio di Pinzi che toglie punti preziosi in chiave scudetto ai biancocelesti e fa sognare i bianconeri.

Come già l’anno scorso, Lazio-Udinese si conferma incontro importante per le sorti dell’alta classifica: forti del passaggio del turno in Europa League, le due compagini provano a rimanere aggrappate al treno che conta.

In caso di vittoria, l’Udinese riprenderebbe la Juventus in testa mentre, se a vincere sarà la Lazio, i biancocelesti raggiungeranno il Milan al secondo posto.

Edy Reja propone un 3-5-2 speculare a quello che è il classico modulo dell’Udinese, potendosi giovare anche del rientro di André Dias in difesa. In attacco ci sono Klose e Rocchi, quindi è di nuovo panchina per Djibril Cissé così come per Hernanes. Guidolin, dal canto suo, decide di risparmiare (almeno all’inizio) capitan Di Natale, schierando Torje alle spalle di Floro Flores. Riposa anche Armero, sostituito da Pasquale, mentre si segnala il ritorno di Ferronetti nel pacchetto arretrato.

Partenza decisa dei biancocelesti che vogliono fare loro il match. All’ 8′  punizione di Ledesma, la barriera respinge; ai trenta metri arriva Diakité di gran carriera e calcia di prima intenzione, conclusione radente, Handanovic blocca a terra.
E’ una bella Lazio in questi minuti, l’Udinese soffre soprattutto le scorribande biancocelesti sulla corsia sinistra, dove Sculli e Lulic si sganciano di continuo. Mette il naso fuori l’Udinese, pallone in verticale per Floro Flores che mette in mezzo dalla destra, sul suo pallone basso arriva Asamoah che anticipa due biancocelesti, senza crederci troppo, e mette malamente a lato.

La risposta biancoceleste è affidata a Lulic, cambio di gioco da sinistra per l’inserimento di Cavanda, la sua conclusione finisce sull’esterno della rete. Sempre poca Udinese, la scelta di far rifiatare Di Natale e Armero non sta pagando,ma, al 27′ i friuliani trovano il gol.  Accelerazione di Pasquale sulla sinistra, cross a mezz’altezza per Floro Flores, puntuale all’appuntamento col colpo di testa in tuffo che batte inesorabilmente Bizzarri.

E’ sempre la Lazio a fare la partita, ma l’Udinese è più a suo agio, potendosi affidare alle ripartenze. Nel finale di tempo i biancocelesti trovano il pari.  Gonzalez ai venti metri apre alla sua sinistra per Lulic, Benatia lascia spazio al bosniaco che ha tutto il tempo di controllare, sistemarsi il pallone sul destro e scaricarlo verso l’angolino basso alla destra di Handanovic.

Le squadre vanno al riposo sull’ 1-1.  Poche conclusioni a rete ma buon ritmo all’Olimpico, dove la Lazio ha raggiunto in extremis un pareggio che, ai punti, è ampiamente meritato. Sono i biancocelesti a fare la partita per gran parte dei primi 45′, facendosi prendere di sorpresa sulla prima vera azione offensiva dei friulani, che consente a Floro Flores di sbloccarsi. I bianconeri vanno ad un passo dal raddoppio con Isla ma si chinano poi a Lulic, che non perdona l’ingenuità di Benatia.

Pronti via e la Lazio compie il sorpasso al 51′. Cross di Ledesma dalla sinistra, Rocchi fa da torre sul palo lungo verso Klose, il diagonale del tedesco è deviato da Ferronetti che inganna il proprio portiere. Al 9′  ancora Klose, Lulic vede l’inserimento centrale del tedesco e lo serve con un cross teso dalla sinistra, l’incornata finisce a lato. Al 65′ Guidolin si gioca la carta Di Natale al posto di Torje. Per la Lazio entra Hernanes e si fa subito vedere.

Al 66′, infatti, il brasiliano mette uno splendido pallone in verticale per Klose, il tedesco non riesce a superare Handanovic in uscita, ottima parata d’istinto dello sloveno. Al 73′  gran destro del ‘profeta’ dalla distanza, Handanovic vola a ribattere. Un minuto dopo arriva il pari dei friuliani.  Di Natale tocca per Pinzi che scatta sul filo del fuorigioco, resiste alla rimonta di Diakité e batte Bizzarri in diagonale. Al 32′  capovolgimento di fronte, Isla per Di Natale che impegna Bizzarri con un destro radente.
Al 92′ la Lazio va ad un passo dal 3-2:  grande azione dei biancocelesti, Klose allarga a destra per Gonzalez, pallone di prima intenzione verso il palo opposto dove Kozak, in spaccata arriva a un soffio dal tap-in vincente.

Finisce all’ olimpico 2-2 tra Lazio e Udinese, i bianconeri agganciano il Mian al secondo posto, a due punti dalla Juve e con altrettante lunghezze di vantaggio su una Lazio che avrebbe meritato qualcosa in più. Gli uomini di Reja fanno la partita e vanno vicini al terzo gol che chiuderebbe il conto ma è Pinzi, grande ex, a decidere il 2-2 finale.

Lulic non ha nessun dubbio. “Potevamo vincere, abbiamo perso due punti importanti. Speriamo che in futuro non pesino…”. Alla rete di Floro Flores , ha risposto lui col solito tiro da fuori e poi, manco a dirlo, Klose. “Il campionato è ancora lungo, ma se giochiamo cosi possiamo fare qualcosa d’importante. Vogliamo chiudere l’anno con una vittoria”, aggiunge.

“La mia rete è stata importantissima per noi”. Parole di Giampiero Pinzi autore del gol del definitivo pareggio contro “una squadra forte com’è la Lazio”. Un punto che conferma la squadra di Guidolin al secondo posto anche senza Di Natale in campo. “Abbiamo dimostrato anche senza il nostro fuoriclasse che siamo una squadra competitiva”.

Guarda il bicchiere mezzo pieno Reja: “E’ un buon punto, ma alla fine potevamo anche vincere. Sono contento perchè la squadra ha dato tutto e soprattutto, in classifica, siamo li”.

E’ raggiante a fine gara Guidolin: “Sono soddisfatto di questa partita, di questo risultato. Armero e Di Natale? Devo gestire le forze sino alla fine. La Juve? Vogliamo fare bene”.

Lazio-Udinese  2-2
Marcatori: 28′ Floro Flores (U), 43′ Lulic (L), 51′ Klose (L), 73′ Pinzi (U)
Ammoniti: Danilo (U), Benatia (U), Diakitè (L), Radu (L)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Lazio (3-5-2)                                                          Udinese (3-5-2)

Bizzarri                                                                  Handanovic
Diakitè                                                                    Ferronetti
Dias                                                                        Danilo
Radu                                                                       Benatia
Cavanda                                                                 Pasquale
Gonzalez                                                                Asamoah
Ledesma                                                                 Pinzi
Lulic                                                                       Isla
Sculli                                                                      Basta
Klose                                                                      Floro Flores
Rocchi                                                                    Torje

All. Reja                                                                 All.  Guidolin

di Armin Sefiu

19 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook