Due parate di Cuffia ai rigori contro la Turris portano il Rimini in Lega Pro.

di Luigi Rubino

Due prodezze del portiere Cuffia che sventa due rigori decretano la promozione del Rimini in Lega Pro. La squadra romagnola torna ad assaporare la promozione dopo un anno trascorso in serie D. Destino invece amaro per la sua avversaria, la Turris, che sognava il grande salto che purtroppo non è arrivato, dopo lo 0 a 0 conquistato al termine dei tempi regolamentari. Decisivi  gli errori commessi dal dischetto di Teta che colpisce il palo e i tiri di Polverino e Mariniello neutralizzati dal numero uno romagnolo. La partita non ha offerto grandi emozioni. Allo stadio ” Liberati” di Terni le due squadre avvertono il caldo. Il ritmo è blando. Le occasioni poche. 

Il Rimini si fa pericoloso al 39′ con Baldazzi che servito da Brighi, colpisce il palo. Nelle ripresa la Turris potrebbe segnare, ma Iovene arriva in ritardo su un preciso assist di Russo. Allo scadere, grande occasione per il Rimini con Brighi che di testa manda di poco a lato. La gara poi finisce ed inizia la lotteria dei rigori. Più bravi sono i romagnoli che trasformano 3 rigori su 4 con  Olcese, Evangelisti, Brighi. A sbagliare è Baldazzi. Dischetto invece fatale per i corallini che realizzano soltanto con Russo, dopo  tre tentativi;  il primo di Teta, finito sul palo e gli altri due di Polverino e Mariniello parati dal portiere romagnolo. Finisce cosi 3 a 1 con i riminesi che corrono sotto il settore dello stadio dove sono assiepati i circa 800  tifosi che hanno seguito la squadra con grande tifo e correttezza.

 

Rimini – Turris  0 – 0 ( 3 a 1 dopo calci di rigore)

 

Formazioni:

Rimini: Scuffia, Palazzi, ( 91’Zanigni), A. Brighi, Aquino, Vittori, Onescu ( 73′ Gasperoni), M. Brighi, Valeriani, Baldazzi, Buonocunto ( 83′ Evangelisti) Olcese.  All: D’Angelo

Turris: Della Corte, Rea, Braca, Mariniello, Montariello ( 60′ Vacca), D’Ambrosio, Polverino, Della Ventura ( 90′ Teta), Iovene, Russo, Contino, ( 60′ Coppola) All. De Luca

Arbitro: Ghersini di Genova

Note: Presente in tribuna l’allenatore della Turris Mandragora che non può sedere in panchina perchè squalificato. Caldo asfissiante. Presenti circa 1500  tifosi della Turris.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook