Gli hacker Lulz Security attaccano il sito della CIA

di Enrico Ferdinandi

Il gruppo di hacker che si fa chiamare Lulz Security ha fatto un altro “centro”. Dopo esser saliti alla ribalta della cronaca nelle scorse settimane per aver attaccato prima il sito della Sony, della Nintendo e poi quello del Senato americano, quest’oggi tramite Twitter hanno fatto sapere di aver portato a casa un altro successo violando il sito della Central Intelligence Unit, ovvero la C.I.A.  (www.cia.gov),  l’agenzia di spionaggio degli esteri degli Stati Uniti.

I membri della Lulz Security sembrano quindi puntare sempre più in alto, il sito a quanto pare ieri sera sarebbe rimasto inaccessibile per quasi un paio d’ore. Questo il twitter con il quale gli hacker hanno rivendicato l’attacco: “Tango down – cia.gov.  For the Lulz”.

La Cia ha cercato di smorzare l’attenzione dei media dando poca rilevanza a quanto accaduto e facendo trapelare solo un “Stiamo verificando”. Il sito avrebbe riscontrato alcuni disservizi e non è stato accessibile da alcune importanti città  come Londra, New York, San Francisco e Bangalore. Secondo l’esperto informatico Jeffrey Carr non sarebbero stati estrapolati dati sensibili questa volta in quanto il sito era adibito solamente al contatto con il pubblico, era quindi di carattere prettamente informativo, Carr ha poi spiegato che: “Quello che vogliono è dire: guardate come siamo bravi. Li metteremo in imbarazzo dimostrandogli che la loro sicurezza è inefficiente.”

I membri della Lulz Security nelle scorse settimane dopo esser entrati nei siti della Sony Corp, News Corp e il sistema di trasmissione della Tv pubblica americana hannoi pubblicato informazioni le personali dei clienti, degli amministratori e le configurazioni di altri siti alla quale aveva ottenuto illegalmente accesso, cosa che non è avvenuta con il sito della Cia, gli hacker hanno dimostrato tuttavia anche questa volta la fragilità di un sito che dovrebbe esser altresì ben protetto.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook