MotoGP, Montmelò: capolavoro Lorenzo. Pedrosa e Marquez sul podio. Rossi 4°

MotoGP, Montmelò: capolavoro Lorenzo. Pedrosa e Marquez sul podio. Rossi 4°

lorenzo-preview-barcellonaPodio tutto spagnolo nel Gp di Catalunya, sesta prova del Mondiale di MotoGP. Come era già successo altre due volte in questa stagione, Lorenzo, Pedrosa e Marquez fanno il vuoto e portano la bandiera iberica ancora una volta a sventolare sulla top class del Motomondiale.
Il primo degli altri è Rossi, che chiude 4° dopo una gara partita in sordina e conclusa sugli stessi ritmi dei primi. Come spesso accade ultimamente, il “Dottore” si sveglia quando ormai le posizioni in gara sono già definite, o quasi.
Male le Ducati: Hayden e Iannone escono subito fuori di scena, per la disperazione soprattutto del primo, che vedeva nel circuito spagnolo una buon terreno di riscatto. Dovizioso, invece, chiude solamente 7°, beffato anche dalla Yamaha Tech 3 di Smith (sesto). Buon quinto posto per Bradl, su Honda LCR.

Al via, è Lorenzo a scattare meglio di tutti, ma Pedrosa gli resiste e va in testa alla prima curva. Rossi è quinto, pericolosamente vicino a Bautista. Per fortuna, però, non si assiste al replay del Mugello: questa volta è solo Bautista a cadere, perdendo l’anteriore dopo che aver sfiorato la moto di Valentino.
Nel frattempo Jorge inizia a mettere qualche metro prezioso tra sé e gli inseguitori Pedrosa e Marquez. Il giovane pilota della fantastica Honda RC213V prova a stare incollato al compagno di squadra con staccate al limite del lecito. Pochi giri e la gara perde uno dei suoi protagonisti, Cal Crutchlow, che viaggiava in quarta posizione tallonato da Rossi.
I tre spagnoli al comando fanno l’andatura, Valentino prova a stare con loro ma ben presto deve arrendersi. Ancora una volta si profila per lui una gara incolore. Lorenzo inizia a macinare giri veloci e allunga su Pedrosa, più preoccupato ad arginare sul nascere i possibili tentativi di sorpasso di Marquez che a recuperare sul connazionale in fuga. A quattro giri dalla bandiera a scacchi, Marquez prova il forcing su Pedrosa, ma l’unico risultato che ottiene è quello di rischiare una caduta che avrebbe avuto serie ripercussioni sul suo morale e sulla classifica mondiale. Nell’ultimo giro Pedrosa chiude tutti gli spazi e porta a casa un prezioso 2° posto.

Con questa vittoria Lorenzo si rilancia nel mondiale, portandosi a soli 7 punti da Pedrosa (123 punti contro 116). Più indietro Marquez, con 93 punti. Solo 5° Rossi, a quota 60, che si consola però con il sorpasso in classifica a Dovizioso (59 punti).

Giuseppe Ferrara
16 giugno 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook