Lo United vince con l’ Everton: City a -12

Nuova sfida, nuovo campionato. E’ passato un’ anno dalla partita contro l’Everton che avrebbe potuto consegnare agli uomini di Fergouson un bel pezzo di Premier. Quella volta finì 4-4 e il titolo venne consegnato in mano ai rivali del City. Quest’anno, invece, i Red Devils si impongono sui Toffeemen con un risultato finale di 2 reti a 0, distanziando i cugini del City di ben dodici punti.
Lo United parte subito forte, causando subito dei problemi alla difesa dell’ Everton. Gli uomini di Sir. Alex Fergouson voglio chiudere subito la pratica e infatti dopo solo 13 minuti passano. Van Persie, libera bene Giggs al centro dell’area. Il gallese con un tocco degno del suo passato si sposta il pallone dal sinistro al destro e disegna una traiettoria a giro che colpisce il palo interno e finisce in rete. L’ Everton però non si spaventa e rialzano subito la testa. Al 28’ Osman ci prova da fuori con una bella conclusione che impegna De Gea.

Ma è proprio nel momento favorevole ai Toffees che lo United sferra il colpo di grazia. Van Persie scatta sul filo del fuorigioco ispirato da un bel passaggio di Rafael. L’olandese scarta Howard e deposita in rete il pallone del K.O.
La ripresa è si gioca quasi tutta in vista della sfida di Champions League. Lo United amministra diligentemente il vantaggio mentre i Blu di Liverpool faticano a riprendersi. Sono proprio i padroni di casa a sfiorare più volte il tris. Evans in una sola azione spreca tre buone occasioni, trovando per due volte Howard e poi Jelavic a ribattere i sui tentativi. Passa appena un minuto e ancora il portiere ospite deve compiere un eccellente gesto tecnico per deviare in volo la sassata di Cleverley. L’ultimo sprazzo dell’ Everton si vede all 81’, quando con il piatto destro Jelavic, entrato nela ripresa, impegna seriamente De Gea. Il fischio finale tanto atteso arriva senza altre occasioni e ora lo sguardo dello United è proiettato tutto sulla grande sfida contro il Real Madrid.

 

Alessandro Righelli
11 febbraio 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook