Gerardi-gol, l’Ascoli inguaia l’Albinoleffe

Una rete del bomber bianconero è sufficiente per battere i bergamaschi. Gara brutta ma, interpretata molto bene dai marchigiani che, rischiano solo nel finale la beffa. Espulso per gli ospiti Cisse.

Vera e proprio sfida salvezza quella in scena al Del Duca. L’Ascoli, reduce dalla sconfitta di Modena per 2-0, occupa la quart’ultima posizione a quota 29 punti. E’ tornato alla vittoria dopo quasi due mesi contro una delle squadre in corsa per la promozione in serie A. L’Albinoleffe, ultima in concomitanza con la Nocerina a 25 punti, è in crisi nera di risultati. I bergamaschi non hanno ancora vinto nel 2012 e arrivano ad Ascoli dopo la sconfitta casalinga contro il Vicenza per 1-0. Sono ben 16 turni che non conoscono la vittoria.

I precedenti sorridono ai marchigiani che hanno perso una sola volta. Era il 2005, allora  gli ospiti vinsero per 3-2. Sono al nono anno consecutivo nella serie cadetta i lombardi che, ancora non sono retrocessi dalla storica promozione. Un andamento altalenante dei marchigiani che, nonostante la penalizzazione ,per mancati pagamenti della società e lo scandalo delle scommesse, sono in piena corsa per la salvezza e, stanno risalendo di posizioni. L’ ex della partita è Andrea Cristiano che ha lasciato l’ Ascoli dopo un anno, realizzando anche 4 reti, per ritornare a Bergamo, dove già era stato per 4 stagioni.

Il tecnico Silva non può contare sull’ infortunato Papa Waigo e rilancia un inedita coppia d’attacco composta da Gerardi e Falconieri.Resta a riposo Soncin. In mediana vengono preferiti Scalise, Tomi e Parfait. Indisponibile Peccarisi. Salvioni,invece, gioca con il classico 4-4-2. Le due punte centrali sono Torri e Cisse. A centrocampo c’è Pacilli con Hetemaj a dettare il gioco. Assente il bomber Cocco.

 

Prima frazione di gioco bloccata con un atteggiamento timoroso dei due club che, badano a non farsi male. L’ avvio è convincente dell’ Ascoli che prova a schiacciare l’ Albinoleffe. Al 4′ Parfait si inserisce tra le linee ma non riesce a concludere. C’è la volontà della squadra di casa di fare risultato ma,non riesce a pungere con la giusta cattiveria,lasciando campo agli ospiti di affacciarsi tra le parti di Guarna. Le offensive della Celeste non sono pericolose, come il tiro di Torri che finisce fuori dallo specchio. Un istante dopo il picchio si fa vedere con Gerardi che,conclude alto da buona posizione. Il più vivace dei Seriani è sempre Torri che, non riesce a dare potenza di testa in area di rigore. Il primo intervento di Offredi è un tiro centrale di Parfait. Velenosa la girata volante di Gerardi al 22′, vola il portiere bergamasco. Dopo una conclusione velleitaria di Foglio e un tiro centrale e debole di Parfait,una vera spina nel fianco, il centravanti Gerardi conclude a lato su deviazione aerea. Si va al riposo a reti inviolate.

Ad inizio ripresa,dopo appena dieci minuti iniziano i primi cambi. Silva prova a dare più qualità in avanti inserendo Sbaffo. Salvioni toglie Cristiano per dare posto a Regonesi. Il centrocampista bianconero va subito al tiro ma la sua conclusione da posizione defilata, termina alta. Dopo venti minuti fa il suo ingresso anche Soncin che, rileva Falconieri. Nel frattempo Scalise scarica un tiro a giro che, trova la respinta di Offredi. Termina la gara di Torri che viene sostituito dal giovane Belotti. Quattro minuti più tardi Soncin se ne va sulla fascia ed effettua un cross in area, si avventa in anticipo Gerardi che trafigge di testa Offredi. Gli ospiti non sembrano reagire e tentano la carta Taugourdeau. Risponde l’ Ascoli che si chiude inserendo Giovannini al posto di Scalise. Nella parte finale si fa più insistente il forcing dell’ Albinoleffe. All’ 82′ Laner spara fuori di poco un tiro al volo . Peggio fa Cisse che conclude alle stelle tre minuti dopo. Trema la porta dell’ Ascoli al 95′ quando Guarna si supera sul gran destro all’ angolino basso del neo enttrato Taugourdeau. Non succede più nulla se non un rosso diretto al guineano Cisse che colpisce a gioco fermo un avversario. Tre punti d’oro per l’ Ascoli che si porta a quota 32 punti raggiungendo il Vicenza. Albinoleffe sempre più ultimo e inguaiato in classifica.

E’ amareggiato a fine gara Salvioni per una sconfitta che, forse si poteva evitare: “Siamo stati troppo ingenui sul gol. Non si possono sbagliare dei palloni in quel modo. Non è la prima volta. Abbiamo offerto una buona prestazione. Mi spiace per l’espulsione di Cisse che ci mancherà nelle prossime partite. Noi ci crediamo finchè siamo ancora in gioco”.

E’ contento per aver dato il suo contributo Andrea Soncin: “Sono felice per i tre punti sofferti,vista la posta in palio. Dobbiamo mantenere un certo equilibrio e continuare su questa strada. Mi fa piacere che abbia segnato Gerardi per l’impegno profuso”.

Grande elogio di Silva ai suoi ragazzi: “Devo ringraziare la squadra che ha stretto i denti e con lo spirito giusto ha avuto la forza di vincere la gara. Non è stata una partita esaltante,eravamo contratti e vista la posta in palio abbiamo commesso qualche errore di troppo.I nuovi entrati hanno fatto la differenza. Non stiamo bene fisicamente. Nonostante qualche assenza abbiamo tenuto bene dietro. Qualche buona occasione la abbiamo avuta ma, non siamo stati concreti. Speriamo di recuperare le forze. Non guardiamo la classifica”.

 

 

Stadio : Del Duca (Ascoli)

 

34 a giornata serie B

 

Ascoli – Albinoleffe   1-0

Marcatori:  70′ Gerardi (As)

Ammoniti: Lebran (Al), Pacilli (Al), Di Donato (As)

Espulsi:  Cisse (Al)

 

Formazioni:

 

Ascoli (3-5-2) : Guarna; Andelkovic, Ciofani,Faisca; Di Donato, Parfait, Pederzoli, Scalise, Tomi; Falconieri, Gerardi. All.  Silva

A disposizione: Sbaffo, Soncin, Giovannini, Maurantonio,Pasqualini, Ilari, Romeo

 

Albinoleffe (4-4-2): Offedi; Daffara, D’ Aiello, Lebran, Cristiano; Foglio, Hetemaj, Laner, Pacilli; Cisse, Torri.   All. Salvioni   

A disposizione: Regonesi, Belotti, Taugourdeau, Tomasig, Piccinni, Corradi, Germinate                                                        

 

Arbitro: Baratta


Armin Sefiu

8 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook