Pari Valencia nel derby.Tris Atletico Madrid e Siviglia

Il gol di Jonas non basta ai pipistrelli per sbarazzarsi dei granotes, in rete Kone. Falcao e Diego mettono il volo ai colchoneros.

Nella trentesima giornata della Liga, finisce in parità il derby tra Valencia e Levante (1-1). Torna a vincere l’ Atletico che liquida ,nel mini derby il Getafe per 3-0. Terza vittoria per il Siviglia che piega per 3-1 il Maiorca. Nessuna rete a Villarreal tra il sottomarino giallo e l’ Espanyol. Poker della Sociedad contro il Vallecano.

 

Prima di prepararsi alla rimonta contro l’ Az Alkamaar nei quarti di Europa League (in Olanda fini 2-1), il Valencia deve tornare a vincere per difendere l’ accesso diretto alla prossima coppa dei campioni. Al Mestalla arriva il derby contro il Levante, un inedito scontro champions mai vissuto da entrambe le società. Il Valencia è già abituato a questi palcoscenici dove, ha disputato 7 finali europee di cui solo 4 vinte. E’ la terza squadra più ricca in Spagna e la più popolare della penisola iberica. Ha quasi sempre occupato le prime posizioni. Solo 7 partecipazioni nella massima divisione per il Levante che, ha avuto una grande soddisfazione nel lontano 1937 quando, piegò in finale di coppa di Spagna i pipistrelli. Fino ad oggi resta l’unico trofeo nella bacheca. Nel ventunesimo secolo è risalita nella Liga tre volte. Contro tutte le aspettative quest’ anno lotta per un posto prestigioso in Europa che, si sta lasciando scappare,dopo un inizio entusiasmante che l’ha vista in quarta posizione solitaria. L’ andamento è lo stesso del Valencia che, aveva un margine enorme dalle squadre che la precedevano ma, si è fatta risucchiare nella bagarre. Peccano di ingenuità e concentrazione i padroni di casa che, mostrano una marcia in più nelle partite secche. Nei quarti di coppa del re di due mesi fs vinse nettamente il Valencia. Negli ultimi 4 incontri nessun successo per gli ospiti.  Emery non disponde del suo bomber Soldado e lascia le rendini dell’ attacco ad Aduriz. Ampio turnover con Hernandez e Albelda a centrocampo mentre in difesa ci sono Barragan e Mathieu. Indisponibili Bruno e Alba. Martinez schiera inaspettatamente  Botelho sulla mediana e cambia gli esterni di difesa con l’innesto di Lopez e Juanfran. Riposa l’ ex Siena Ghezzal. La partita è poco spettacolare e si gioca sul filo dei nervi. Al 35′ ,però, Feghouli serve una palla al bacio a Jonas che,porta avanti i padroni di casa. Nella ripresa al minuto 54 Kone trova il pareggio. Un istante dopo Hernandez coglie la traversa. Continua l’ arrembaggio dei pipistrelli che non riescono a sfondare la porta di Munua. Finisce cosi in parità. Resta a tre punti il distacco tra i due club.

Con la testa rivolta al ritorno di Europa League in Germania contro l’ Hannover (partirà dal 2-1 casalingo), l’ Atletico Madrid ospita il Getafe, per riscattare l’inaspettata battuta d’arresto contro il fanalino Saragozza. E’ il derby numero 8 tra le due compagini al Vicente Calderon. Gli ospiti sono solo all’ ottavo anno nel massimo campionato ma,hanno già disputato due finali nazionali e un trofeo europeo. Sono la quarta squadra della capitale e sono stati acquistati dallo sceicco Al-Maktoum. Di fronte hanno la terza società della Spagna per titoli vinti che, è riuscito a farsi rispettare anche in campo internazionale vincendo tre trofei di prestigio, una fra tutti la coppa intercontinentale. Sono in un grande momento i los azuolones che, hanno infilato ben tre vittorie negli ultimi 4 incontri, dimostrando di giocare alla pari con equipe di rango superiore. Negli scontri diretti c’è quasi parità. Diego Simeone fa riposare Godin e Adrian. A centocampo ritrova Gabi e Diego. Tiago parte dalla panchina. Luis Garcia perde Valero in difesa e inserisce Torres. Davanti alla difesa c’è Rodriguez. Sulla mediana Sarabia prende il posto di Rios. Gara molto equilibrata che, si sblocca al 24′ con un colpo di testa d Salvio. Reazione veemente degli ospiti che,si devono arrendere alle parate di Courtois. I colchoneros resistono e piazzano la seconda marcatura con Diego al 62′. Dopo un occasione di testa di Miku , Falcao firma il tris al 77′ Con il 3-0  l’ Atletico si porta a -5 dalla champions. Per il Getafe un occasione persa di avvicinarsi all’ Europa.

Con la sconfitta inaspettata del Malaga contro il Betis, l’ Espanyol ha una ghiotta occasione di riportarsi sotto nella rincorsa alla prossima coppa dei campioni. I catalani sono ,però ospiti del Villarreal che, ha già fermato l’ altra squadra della Catalogna, il Barcellona. Il sottomarino giallo è una roccaforte tra le proprie mura, in grado di cadere solo due volte. Non dimentichiamoci che ha anche fermato dieci giorni fa la capolista Real. Deve fare punti per non restare troppo attaccato a un Saragozza in crescita. E’ al dodicesimo anno di partecipazione alla prima divisione. Fino a qualche mese fa giocava in champions,ora lotta per la salvezza. Diverso il discorso dell’ Espanyol che è da una vita (77 anni complessivi) che milita nella Liga. I due club hanno raggiunto le fasi finali delle coppe europee: semifinale per il Villarrea e finale per l’ Espanyol. Nei 12 precedenti solo un successo per gli ospiti che, risale a otto anni fa. Il tecnico Lotina ha indisponibile Nilmar e, infoltisce la mediana con Camunas. Pochettino non può disporre di Coutinho che, viene sostituito da Garcia. In difesa vince il ballottaggio Moreno su Forlin. Entrambe le squadre provano a vincere ma, non riescono a trovare la zampata vincente. Finisce 0-0, i canarini salgono a +4 dalla terzultima mentre, i periquitos restano a -6 dal quarto posto.

Dopo il brusco ko di Madrid contro i merengues, il Real Sociedad cerca il riscatto per risollevarsi dai tre stop consecutivi. All’ Anoeta arriva il Rayo Vallecano in declino nelle ultime due uscite. Dalle statistiche emerge che gli ospiti non hanno ancora vinto contro il Sociedad nelle 4 sfide disputate. Tre anni fa  in coppa dl re il Rayo espugnò San Sebastian per 2-0. I baschi hanno un lungo trascorso nel calcio professionistico  che, li ha portati a dominare gli anni ’80. Poi è iniziato un periodo buio culminato con la retrocessione dopo 40 stagioni consecutive. Il Rayo è abituato a lottare per la salvezza e ha disputato solo 13 stagioni in prima divisione. Non è mai sceso oltre il nono posto ed è sprofondato anche in terza divisione. Conta la vittoria più per i baschi che sono vicini alla zona calda. Montanier schiera Demidov in difesa. A centrocampo agiranno Elustondo e Zurutuza. La punta di riferimento è Agirretxe. Sandoval lascia in panchina Trashorras e Piti.  In mediana inserisce Movilla e Lass. Come centrale viene preferito Diamanka. L’ attaccante puro è Costa. Dominano i padroni di casa che passano al 6′ con Agirretxe,poi, raddoppiano al 31′ con Zurutuza. Nella ripresa il Sociedad dilaga con Griezmann e Vela. Finisce,dopo aver controllato il match, 4-0 per i padroni di casa che possono respirare in fondo alla graduatoria.

Il posticipo della liga si chiude con la sfida di metà classifica tra Siviglia e Maiorca. I Sevillistas sono tornati a macinare gioco e punti, dopo un periodo nero. Il cambio di panchina sembra aver giovato, tanto che gli andalusi sono anche in corsa per quel posto Uefa che l’ ha visto protagonista negli ultimi anni con la vittoria di due coppe. Lo è stato anche il Maiorca che, riusci a disputare una finale euopea,poi, persa. Hanno in comune la vittoria della coppa e supercoppa di Spagna . Nei precedenti al Pizjuan c’è perfetta parità con 4 successi a testa. Michel rimpiazza Navarro con Luna. In attacco è Manu a fare coppia con Negredo. Solo panchina per Kanoute. Caparros conferma l’ undici anti Barcellona. Succede tutto nella ripresa. Apre le marcature  Negredo di testa al 50′. Manu serve la doppietta,poi, Navas al 67′ trova il terzo gol. Inutile il gol della bandiera di Hemed. Finisce 3-1 per il Siviglia che si porta a cinque punti dal quarto posto.

           Squadra                 PG  V   N    P    reti             Punti

1.

Real Madrid

30

25

3

2

100:27

78

2.

Barcellona

30

22

6

2

86:22

72

3.

Valencia

30

13

9

8

46:37

48

4.

Malaga

30

14

5

11

44:43

47

5.

Levante

30

13

6

11

42:41

45

6.

Osasuna

30

10

13

7

35:46

43

7.

Atl. Madrid

30

11

9

10

42:35

42

8.

Siviglia

30

11

9

10

36:32

42

9.

Espanyol

30

11

8

11

37:39

41

10.

Getafe

30

10

9

11

31:39

39

11.

Ath. Bilbao

30

9

11

10

44:42

38

12.

Vallecano

30

11

4

15

42:53

37

13.

Real Sociedad

30

10

6

14

36:45

36

14.

Maiorca

30

9

9

12

32:40

36

15.

Betis

30

10

5

15

35:43

35

16.

Granada

30

10

4

16

28:46

34

17.

Villarreal

30

7

11

12

30:42

32

18.

Saragozza

30

7

7

16

27:52

28

19.

Gijon

30

6

7

17

29:56

25

20.

Santander

30

4

13

13

23:45

25

Gijon – Saragozza   1-2

Santander – Granada   0-1

Osasuna – Real Madrid    1-5

Barcellona – Athletic Bilbao     2-0

Malaga – Betis     0-2

Atl. Madrid – Getafe   3-0

Valencia –  Levante   1-1

Real Sociedad – Vallecano    4-0

Villarreal – Espanyol   0-0

Siviglia – Maiorca    3-1

Armin Sefiu

6 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook