Barcellona avanti in Champions. Milan penalizzato!

UN RIGORE DUBBIO ( IL SECONDO) APRE LE PORTE DELLE SEMIFINALI ALLA SQUADRA SPAGNOLA.

Il Barcellona batte il Milan ( 3 -1) nella gara di ritorno di Champions League e si qualifica alle semifinali. I blaugrana, affronteranno nel prossimo turno ( andata e ritorno) Chelsea o Benfica, che si sfidano questa sera nella gara di ritorno allo “Stamford Bridge” di Londra.

La gara del “Nou Camp” non ha mancato di sollevare polemiche, anche perchè la qualificazione degli spagnoli è stata decisa da un rigore di troppo decretato dall’arbitro Kuipers che ha punito con la massima punizione dagli undici metri un fallo di Nesta, commesso a gioco fermo, su  Busquets. Il regolamento infatti prescrive che quando il gioco è fermo e avviene un  fallo in area, bisogna ammonire i giocatori delle due squadre. L’arbitro, invece, ha fatto continuare e ha sancito il penalty che ha portato il Barca sul 2 a 1. Gli spagnoli, comunque, hanno giocato come sempre, tenendo a lungo l’iniziativa, di fronte ad un Milan che ha badato più a difendersi che ad attaccare. Il vantaggio blaugrana  all’11’ parte da un errore difensivo di Mexes che sbaglia il rinvio. Il pallone giunge a Messi che viene atterrato in area. A realizzare dal  dischetto è sempre il giocatore argentino. I rossoneri reagiscono e trovano il pari con Nocerino che da pochi passi mette in rete l’ assist di Ibrahimovic. Al 39′ un altro rigore ( contestato) riporta i padroni di casa in vantaggio. A realizzare è ancora Messi. Nella ripresa, i padroni di casa chiudono i conti: classica azione di rimessa, fortunoso rimpallo su tiro di Messi  e pallone a Iniesta che, a pochi passi dalla porta, batte in diagonale Abbiati. Il Milan prova a reagire, ma sono poche le energie a disposizione. Pato è costretto ad uscire per infortunio. Poi più nulla. Il Milan esce dalla Champions. Il Barcellona, invece, parteciperà alla quinta semifinale consecutiva.

Barcellona – Milan 3 – 1

Reti: 11′ Messi ( rig,)  32′ Nocerino, 41 Messi( rig ), 53′ Iniesta

G.R.

4 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook