Milan – Chievo 2-0, decidono Muntari e Honda

Milan – Chievo 2-0, decidono Muntari e Honda

9b4ec42d1835bf4fe790839367cb2b4a_55629_immagine_obigRitorno alla vittoria per il Milan di Inzaghi. Nell’anticipo del sesto turno di Serie A, la squadra rossonera supera 2-0 il Chievo grazie ai gol di Muntari e Honda, entrambi nel secondo tempo. Una prova non entusiasmante, soprattutto durante la prima frazione di gioco, ma che è bastata a Torres e compagni per portare a casa i tre punti.

Inzaghi schiera Honda, Torres e Menez davanti, arretrando Bonaventura a centrocampo. Muntari e De Jong in mediana proteggono la difesa composta da Rami, Alex, De Sciglio e Abate.
Corini sceglie i tre ex rossoneri: Paloschi, Maxi Lopez, sostenuti da Birsa.

Primo tempo equilibrato – Nella prima frazione di gioco, a vincere è la noia. Le due squadre si studiano e si annullano. Il Milan prova a offendere, ma senza colpo ferire. Menez è il più attivo dei suoi, ma i suoi tentativi sono sempre fuori misura. Torres non trova i giusti spazi, e quando gli capita l’unica palla buona tra i piedi a seguito di un’azione d’angolo, spara malamente a lato. Il primo tempo si chiude tra i mugugni dei tifosi.

Muntari e Honda decisivi – Nella ripresa la squadra di Corini continua a giocare con organizzazione e attenzione, ma la sensazione è che il gol dei rossoneri possa arrivare da un momento all’altro. Anche perché il Milan inizia a premere come non aveva fatto fino a quel momento, con Menez e Honda attivissimi sulle fasce. E al minuto numero 55’ arriva il meritato gol del vantaggio: Muntari di controbalzo spedisce la palla lì dove Bardi non può arrivare. Inzaghi esulta e con lui tutto il popolo rossonero. Il Chievo subisce il colpo e non riesce a reagire. Il Milan cerca il raddoppio e al 75’ lo trova con Honda, che calcia alla perfezione una punizione dai 20 metri. È il gol che chiude di fatto la gara e permette a Inzaghi e al Milan di tornare ad esultare.

Meritano duerighe

 La partita è decisa da Muntari e Honda, ma nel Milan è Menez il più pericoloso. Quando parte palla al piede dà l’impressione di poter creare da un momento all’altro un’occasione da gol.
 Prestazione opaca quella dell’ex rossonero. Utile in ripiegamento, ma in avanti non si fa praticamente mai vedere.

Tabellino

Milan-Chievo 2-0 (primo tempo 0-0)
Marcatori: Muntari al 10’s.t., Honda al 33’s.t.
Milan (4-3-3): Abbiati; Abate, Alex, Rami, De Sciglio; Bonaventura, De Jong, Muntari (dal 44’ s.t. Essien); Honda (dal 36’ s.t. Poli), Torres (dal 29’ s.t. El Shaarawy), Menez. All.Inzaghi. (Agazzi, Gori, Mexes, Bonera, Albertazzi, Armero, Zaccardo, Pazzini).
Chievo (4-3-3): Bardi; Frey, Dainelli, Zukanovic, Biraghi; Cofie (dal 37’ s.t. Bellomo), Radovanovic, Hetemaj; Birsa (dal 21’ s.t. Lazarevic); Paloschi, Maxi Lopez (dal 27’ s.t. Meggiorini). All. Corini. (Bizzarri, Seculin, Kupisz, Cesar, Sardo, Edimar, Pellissier, Bellomo, Mangani).
Arbitro: Mazzoleni.
Note: Ammoniti: Biraghi, Birsa, De Jong, Cofie, Meggiorini, Zukanovic, El Shaarawy per gioco scorretto.

Giuseppe Ferrara (inviato al “Meazza”)
4 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook