Una grande Roma pareggia 0-0 col Cagliari

Una grande Roma pareggia 0-0 col Cagliari

roma-cagliari-La Roma esce imbattuta dall’Olimpico ma perde la testa della classifica a favore della Juventus. La trama della partita è semplice e fin da subito si capisce che la Roma avrebbe occupato la metà campo del Cagliari per la maggior parte del tempo. La Roma infatti già nel primo tempo colleziona innumerevoli occasioni da gol ma l’imprecisione, la frenesia ed un legno impediscono ai giallorossi di passare in vantaggio: Florenzi spara alto da posizione favorevole dentro l’area, Strootman si divora un gol a tu per tu col portiere tirandogli addosso di destro, Gervinho colpisce il palo di testa a portiere battuto, Maicon, inesauribile, sfiora il gol in un paio di occasioni. Il Cagliari si affida alle ripartenze e lo fa in modo efficace e la vera occasione del primo tempo ce l’ha con un colpo di testa di Ibarbo sul quale De Sanctis compie una splendida parata. Primo tempo 0 a 0. Il secondo tempo vede una Roma più stanca ed un Cagliari ancora più chiuso dietro, quasi asserragliato nella propria trequarti: tutto ciò non impedisce alla Roma di collezionare diverse occasioni da rete, letteralmente annullate dal portiere cagliaritano Avramov che compie tre miracoli su altrettante conclusioni giallorosse. Su Maicon il portiere si supera togliendo la palla dall’incrocio dei pali con la mano “sbagliata”. Tuttavia la Roma cala vistosamente a livello fisico e offre spazio ai contropiede rossoblu che rischiano di passare in vantaggio ma De Sanctis nega la gioia al Cagliari. Al 92° Castan sfiora il vantaggio di testa ma ancora uno strepitoso Avramov toglie il pallone dalla porta. Una Roma affaticata, decimata e sfortunata raccoglie un solo punto. Esulta invece il Cagliari a fine partita, avendo fatto la sua onesta partita. La Roma cede la testa della classifica alla Juventus ma la prestazione e l’imbattibilità confermano che nonostante tutto la Roma per la lotta al titolo c’è.

di Gabriele Serraglia

26 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook