La Roma viene fermata!

La Roma viene fermata!

Va in scena il posticipo della domenica fra Torino e Roma e ne esce fuori una gara scoppiettante.

Ventura schiera la squadra con tre punte, anche se nel primo tempo non si vedono molto, visto che anche i tre “attaccanti” restano tutti dietro la linea del pallone.

La Roma impone subito il proprio ritmo ed il Torino si affida solo alle scorribande di Cerci (ottima gara la sua). Il possesso del pallone è a totale appannaggio dei giallorossi che puntualmente infatti passano in vantaggio con una bellissima azione iniziata da Balzaretti, rifinita da un Pjanic sontuoso e conclusa in rete con un tocco di Strootman. Il primo tempo termina con la Roma in vantaggio.

Il secondo tempo vede un Torino più propositivo ed una Roma un po’ troppo rinunciataria e paga del misero vantaggio: tutto ciò porta inevitabilmente al gol del pareggio del Toro, che aveva già sfiorato il pareggio con un gran sinistro al volo di Meggiorini parato in modo magistrale da De Sanctis. Meggiorini sfrutta un’igenuità di Benatia (perfetto fino a quel momento), gli ruba il pallone (a fine partita ammette di aver strattonato il difensore) e serve Cerci che anticipa tutti e mette in rete da pochi passi. Dopo il gol del pareggio la Roma si rianima e ce la mette tutta per vincere la partita, schiacciando il Torino nella propria metà campo. Gli assalti giallorossi vengono fermati da falli continui da parte dei giocatori del Torino, ma i calci di punizione conseguenti non portano al vantaggio. Due episodi contestati dai giallorossi: il primo un rigore abbastanza netto non concesso per fallo evidente su Pjanic (migliore in campo); il secondo un atterramento di Maicon al limite dell’area con il terzino giallorosso che entrava in area. Triplice fischio e Roma che vede il bicchiere mezzo vuoto. Roma che resta comunque in vetta a più 3 da Juventus e Napoli che si affronteranno nel prossimo turno: la Roma spera di riallungare su una delle due o su entrambe in caso di segno X!

di Gabriele Serraglia

4 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook