GP Abu Dhabi: a Bottas la vittoria di chiusura della stagione

GP Abu Dhabi: a Bottas la vittoria di chiusura della stagione

L’appuntamento di chiusura della stagione 2017  ha visto l’affermarsi dell’ennesima doppietta Mercedes, capitanata però dal finlandese Valtteri Bottas, con Lewis Hamilton nel ruolo di sfidante negli ultimi giri. Il giovane finlandese aveva conquistato la pole position davanti al compagno nella giornata di ieri ed ha dominato la gara fin dal via. Consapevole del passo delle Mercedes, inavvicinabili oggi per le Ferrari e le Red Bull, Valtteri ha gestito al meglio il piccolo vantaggio su Hamilton, permettendogli di avvicinarsi solo negli ultimi giri, i quali hanno fatto pensare ad un imminente duello in casa. Duello che però non si è verificato, vuoi perché Hamilton già campione e non in dovere di dimostrare qualcosa, vuoi per l’ottima gestione di Bottas. Il ragazzo di Nastola ha così conquistato la sua terza vittoria in carriera dopo quelle in Russia e Austria ed ha concluso la stagione al terzo posto in classifica generale. A completare il podio la Ferrari di Sebastian Vettel, oggi troppo distante dalle Mercedes per costituire una sfida credibile. Il tedesco ha corso praticamente in solitaria, troppo lontano da Hamilton davanti e da Raikkonen dietro, eccetto nei giri in cui veniva seguito da Ricciardo, ritiratosi poi per un problema idraulico. Proprio il ritiro di Daniel Ricciardo ha favorito l’arrivo al quarto posto, sia in gara sia nella classifica generale, di Kimi Raikkonen, oggi troppo distante dal compagno e seguito come un’ombra da Max Verstappen. L’olandese varie volte sembrava in procinto del sorpasso che però non è mai arrivato, probabilmente per la migliore percorrenza della Ferrari nell’ultimo settore della pista dove Kimi riusciva a recuperare sempre mezzo secondo. Al sesto posto finale è arrivata la Renault di Hulkenberg, protagonista oggi finalmente di una gara senza intoppi, senza considerare la penalità scontata per taglio di chicane ai danni di Perez. Il risultato del tedesco ha permesso al team francese di concludere al sesto posto nella classifica costruttori ai danni della Toro Rosso. Dietro alla vettura gialla hanno concluso le due Force India di Perez e Ocon, seguite dalla Mclaren di Fernando Alonso e dalla Williams di Felipe Massa, che con il suo decimo posto ha concluso oggi la sua carriera in Formula 1.

Ordine d’arrivo:

  1. Bottas (Mercedes)
  2. Hamilton (Mercedes)
  3. Vettel (Ferrari)
  4. Raikkonen (Ferrari)
  5. Verstappen (Red Bull)
  6. Hulkenberg (Renault)
  7. Perez (Force India)
  8. Ocon (Force India)
  9. Alonso (Mclaren-Honda)
  10. Massa (Williams)
  11. Grosjean (Haas)
  12. Vandoorne (Mclaren-Honda)
  13. Magnussen (Haas)
  14. Wehrlein (Sauber)
  15. Hartley (Toro Rosso)
  16. Gasly (Toro Rosso)
  17. Ericsson (Sauber)
  18. Stroll (Williams)
  19. Sainz (Renault) ritirato, dado ruota
  20. Ricciardo (Red Bull) ritirato, idraulica

Classifica finale piloti:

  1. Hamilton (Mercedes) 363 punti
  2. Vettel (Ferrari) 317 punti
  3. Bottas (Mercedes) 305 punti
  4. Raikkonen (Ferrari) 205 punti
  5. Ricciardo (Red Bull) 200 punti
  6. Verstappen (Red Bull) 168 punti
  7. Perez (Force India) 100 punti
  8. Ocon (Force India) 87 punti
  9. Sainz (Toro Rosso/Renault) 54 punti
  10. Hulkenberg (Renault) 43 punti
  11. Massa (Williams) 43 punti
  12. Stroll (Williams) 40 punti
  13. Grosjean (Haas) 28 punti
  14. Magnussen (Haas) 19 punti
  15. Alonso (Mclaren-Honda) 17 punti
  16. Vandoorne (Mclaren-Honda) 13 punti
  17. Palmer (Renault) 8 punti
  18. Wehrlein (Sauber) 5 punti
  19. Kvyat (Toro Rosso) 5 punti
  20. Ericsson (Sauber) 0 punti
  21. Gasly (Toro Rosso) 0 punti
  22. Giovinazzi (Sauber) 0 punti
  23. Hartley (Toro Rosso) 0 punti

Classifica finale costruttori:

  1. Mercedes 668 punti
  2. Ferrari 522 punti
  3. Red Bull 368 punti
  4. Force India 187 punti
  5. Williams 83 punti
  6. Renault 57 punti
  7. Toro Rosso 53 punti
  8. Haas 47 punti
  9. Mclaren-Honda 30 punti
  10. Sauber 5 punti

Alessandro Cristiano

26/11/2017

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook