Milano travolge Cantù, Siena di nuovo sola al comando

Milano liquida la pratica Cantù, dominando una partita che dal secondo quarto in poi ha parlato una sola lingua, quella milanese. Eppure l’Olimpia non parte fortissimo, bloccata in avanti da una difesa canturina schierata molto bene. Bourousis e Hairston non riescono a trovare varchi. Nel primo quarto sono 6 le palle perse e 10 su 11 i tiri sbagliati da parte di Milano, che non può far altro che vedere crescere il distacco da Cantù fino al 2-9. È bravo Marconato ad approfittare degli ampi spazi concessi dalla squadra di Scariolo.

L’Emporio Armani Milano, però, capisce che serve immediatamente una svolta, e la ottiene grazie alla verticalità di Radosevic e alla vitalità di Basile. Cantù è sulla gambe a causa dei supplementari di giovedì e Milano ne approfitta piazzando un break di 12-2 in 3′. Giacchetti, poi, con tre triple porta il risultato sul 29-9, che diventa 31-18 al 17′.

Al rientro in campo Milano continua la sua marcia. Gentile è in stato di grazia. In pochi minuti il risultato vola sul 55-35 al 26′. L’Olimpia ha un’altra faccia rispetto a quella che perse con un distacco di 25 punti all’andata. Mazzarino, rende il risultato meno amaro per Cantù con un controbreak di 10-2. Milano, però, ormai è troppo lontana, e Cantù non ha le forze per rientrare. Il risultato finale è 72-64.

L’EA7 Milano dimostra di voler recitare un ruolo da protagonista nella corsa allo scudetto, non accontentandosi di fare il terzo incomodo nel rush finale, che la Bennet Cantù dovrà affrontare, tra l’altro, senza Shermadini e Micov.

Siena torna da sola in testa, dopo che giovedì era stata sconfitta e raggiunta in classifica dalla Bennet Cantù. Contro la Novipiù Casale Monferrato, la squadra toscana ha il merito di dettare legge fin dai primi istanti di gioco. Il primo quarto è praticamente dominato dalla Montepaschi. Andersen dà la prima importante spinta alla sua squadra, portandola sul 10-2. La difesa di Casale sembra assente. Siena ne approfitta e riesce a raggiungere un distacco rassicurante al termine del secondo quarto (35-49). Nel terzo periodo Siena continua a dominare, e si porta in poco tempo sul +18. Ma Casale non molla nulla e riesce prima dello scadere della frazione di gioco a risalire addirittura fino a -9. Si riaccendono le speranze della Novipiù che arriva a toccare il -4, facendo infiammare il PalaFerraris. Ma negli ultimi 2′, l’esperienza di Siena permette alla squadra di Pianigiani di portare a casa una vittoria (76-82) preziosa per la classifica , considerando anche il passo falso di Cantù.

Questi i risultati della 29esima giornata di Lega A, in attesa del posticipo di questa sera tra Roma e Teramo:

Varese-Pesaro

63 – 67

 

14/04 16:10

Treviso-Bologna

63 – 59

 

15/04 18:15

Sassari-Montegranaro

79 – 77

 

15/04 18:15

Caserta-Avellino

76 – 67

 

15/04 18:15

Casale-Siena

76 – 82

 

15/04 18:15

Cremona-Venezia

89 – 80

 

15/04 18:15

Milano-Cantù

72 – 64

 

15/04 20:30

Giuseppe Ferrara

16 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook