Eurobasket, secondo ko per l’Italia: Azzurri battuti dalla Germania 76-62

di Armin Sefiu

Ancora buio pesto per l’Italia agli Europei di basket. Gli azzurri incassano la seconda sconfitta  mettendo cosi a rischio il girone europeo. Serviranno ora tre vittorie nelle ultime tre gare per poter passare alla seconda fase. A Siauliai, in Lituania, la squadra di coach Pianigiani si è arresa alla Germania per 76-62, cedendo nel finale dopo aver tenuto bene per tutta la partita. Tra i tedeschi, 21 punti di Nowitzki (12 rimbalzi) e un grande Kaman (17 punti) contro i 17 di Gallinari e 15 di Belinelli per l’Italia, che adesso sfiderà la Lettonia.

Pregi e difetti dell’Italia tutti concentrati nel match con i tedeschi, giocato spalla a spalla. Stesso copione della partita con la Serbia. Gli azzurri che partono bene chiudendo il primo quarto in vantaggio di due punti (18-16), calano nel secondo quarto sotto i colpi del campione Nba Nowitzki. Deludono, invece, i tre giocatori Nba che offrono nei primi 20 minuti una prestazione al di sotto delle aspettative e, nonostante una Germania in affanno, non riescono ad allungare. Ne esce fuori una partita molto tesa, brutta, con continui sbagli da una parte e dall’altra. Si va al riposo sul 30 a 36 per la Germania. Inizia la ripresa e la musica non cambia.

Parte bene l’Italia che con un Gallinari in crescita e una difesa molto concentrata non molla, mettendo in difficoltà i tedeschi, lenti a manovrare la palla, ma molto attenti nel blocco difensivo che resiste agli attacchi degli azzurri. Finisce cosi il terzo quarto sul 45-46. Come era successo ieri con la Serbia, la parte finale degli azzurri si rivela ancora una volta fatale. L’Italia cede di schianto dopo aver tenuto testa per buona parte della gara almeno fino al 55-56. Da li in poi, la Germania prende il largo con le giocate di un “gigantesco” Kaman. Tutto questo è mancato all’Italia, poco efficace sotto rete, con l’unico Gallinari che ha provato a dare la scossa senza nessun risultato positivo.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook