Ictus: agrumi riducono rischio nelle donne

Un gruppo di ricercatori della Norwich Medical School – University of East Anglia ha condotto uno studio che rivela come alcune sostanze, presenti in frutti come arance, limoni e pompelmi, siano in grado di arginare il rischio ictus nelle donne.
La ricerca, pubblicata sulla rivista di settore Stroke: Journal of the American Heart Association, ha evidenziato come le donne che regolarmente inseriscono nella loro dieta agrumi (come le arance) hanno una minor possibilità di avere un ictus.

Per avvalorare quest’ipotesi gli scienziati hanno esaminato per ben quattordici anni 69.622 donne che hanno risposto con periodicità regolare ad una serie di questionari volti a capire le loro abitudini alimentari. Gli scienziati hanno così notato che le donne che assumevano più flavonoidi (presenti in frutta, verdura, cioccolato fondente e vino rosso) godevano di uno stato di salute migliore rispetto alle altre. Scavando più a fondo i ricercatori hanno notato che fra queste donne solo quelle che mangiavano maggiormente i flavonoidi contenuti in agrumi come arance e limoni mostravano una diminuzione del rischio di ictus del 19% in più.
Il Dott. Aedin Cassidy, autore principale dello studio ha affermato che: “Gli studi hanno dimostrato che la frutta e la verdura, e in particolare gli alimenti che contengono la vitamina C, determinano una riduzione del rischio di ictus. È noto che i flavonoidi favoriscono il funzionamento dei vasi sanguigni e un effetto anti-infiammatorio”. Il dott. Cassidy ha poi ricordato che alcune precedenti ricerche avevano suggerito che i flavonoidi presenti negli agrumi possono aiutare a prevenire l’aumento di peso e la sindrome metabolica responsabile del diabete di tipo 2, ed anche diminuire il rischio di malattie cardiache.
Sharlin Ahmed, esperto della Stroke Association, ha spiegato che: “noi tutti sappiamo che mangiare molta frutta fresca e verdura fa bene alla salute. Questo studio suggerisce che il consumo di agrumi in particolare, come le arance e pompelmi, che sono ad alto contenuto di vitamina C, potrebbe aiutare a ridurre il rischio di ictus. Ma questo non deve scoraggiare il consumo di altri tipi di frutta e verdura, che offrono grandi benefici per la salute e restano una parte importante di una dieta. Anche perché sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo per aiutarci a capire i possibili motivi per cui gli agrumi potrebbero contribuire a mantenere il basso rischio di ictus”.

Enrico Ferdinandi

24 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook