Demon’s Crystal – Uno shooter da giocare in compagnia!

Demon’s Crystal – Uno shooter da giocare in compagnia!

In questi giorni invernali e freddi, abbiamo avuto il piacere di mettere le mani su un titolo particolare ma che ci ha fatto divertire e ci ha permesso di passare diverse ore di gioco in compagnia di amici, sparando e cercando di sopravvivere ad orde di creature del sottosuolo. Stiamo parlando di Demon’s Crystal, titolo rilasciato da Badland Game, che con la sua semplicità ed immediatezza ci ha saputo intrattenere facendoci tornare con la mente alle estati passate al mare a giocare spalla contro spalla con i nostri amici nei tanto rimpianti cabinati arcade.

Gameplay e Grafica

Il gioco si presenta con una veste grafica con forti richiami agli anni passati, e saremo chiamati a guidare degli Urican, demoni dalle sembianze umanoidi che dovranno sconfiggere orde di creature misteriose ed agguerrite per riuscire a mantenere la loro supremazia come specie e per continuare a gestire la loro principale fonte di guadagni, ovvero i cristalli. La storia, raccontata in una schermata iniziale del titolo, crea, con pochissime parole, una base solida su cui giustificare le sparatorie frenetiche ed a ritmo serrato che il gioco ci proporrà, rimanendo purtroppo solo di contorno a tutto il titolo.

Oltre all’inizio infatti, non avremo più spiegazioni e narrazioni in Demon’s Crystal, e questo ci ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca, dato che introduzione alla storia faceva ben sperare e avrebbe dato modo di tracciare una linea narrativa molto interessante e particolare a nostro avviso.

Spara per sopravvivere, Urcan!

Ma fortunatamente c’è una componente molto importante che ha saputo tenerci incollati allo schermo per diverso tempo, il gameplay. Uno stile di gioco semplice, basilare, ma fatto davvero in modo perfetto ed accattivante, che ci permette con l’utilizzo dei due stick di muovere il nostro personaggio nei livelli tramite il sinistro e ruotarlo per sparare nelle varie direzioni con il destro. Due tasti ed è subito magia potremmo dire.

Per tutta la nostra avventura dovremo affrontare tre differenti aree di gioco ognuna composta da otto livelli e con ambientazione diversa dalle altre, scegliendo tra uno dei quattro personaggi disponibili ad inizio gioco e superare diverse orde di nemici che, man mano che avanzeremo con i livelli, diventeranno sempre più agguerrite e pericolose, fino a dover affrontare i tre boss finali, uno per area, ovvero i capi della ribellione.

Per completare un livello, dovremo riuscire a compiere alcuni obiettivi, che consisteranno nello sconfiggere un certo numero di nemici, oppure raccogliere un determinato numero di cristalli, ovviamente con un limite di tempo che si accorcerà con l’avanzare dell’avventura, e per superare le sfide più ardue dovremo guadagnare esperienza per far salire il nostro demone, in modo tale da avere più vita ed infliggere danni maggiori ai nemici.

Inoltre se il livello di sfida dovesse sembrarvi leggero o troppo facile, il gioco presenta altre due difficoltà oltre a quella normale, ovvero il difficile e l’incubo, in cui non saliremo di livello ed avremo diversi malus sparsi qua e la per i livelli.

Ogni aspetto di Demon’s Crystal sembra studiato dagli sviluppatori per rendere la vita del giocatore un vero e proprio inferno, che si sono divertiti a creare livelli sempre più stretti e scomodi e pieni di malus e trappole nascoste che sommate ai nemici, renderanno davvero tosta la sopravvivenza dei nostri demoni Urican.

Sopravvivere da solo o in compagni?

Una cosa che ci ha davvero stupido e che, come dicevamo nell’introduzione di questo articolo ci ha fatto ricordare i bei vecchi tempi videoludici, è stata la scelta iniziale delle modalità, dove avremo modo di giocare da soli la nostra avventura oppure cimentarci in una cooperativa locale fino a quattro giocatori che ha saputo intrattenerci e divertirci per diverse ore insieme ai nostri amici. Inoltre, una volta acquisita una certa esperienza ed aver iniziato a conoscere i diversi nemici e le loro abilità, c’è la modalità sopravvivenza da affrontare per provare a sopravvivere il piu a lungo possibile tra le diverse orde di nemici che ci verranno proposte in questo Demon’s Crystal.

Ma non esiste solo la cooperativa al mondo e per tutti coloro che vogliono sconfiggere i propri amici invece che cooperare per superare le orde, Demon’s Crystal offre una sezione dedicata con le più classiche modalità multigiocatore, dando la possibilità di sfidarsi a chi raccoglie più cristalli, a chi sconfigge più nemici o semplicemente a chi sopravvive in un deathmatch in singolo o in squadre.

Un gameplay semplice quindi e con modalità molto divertenti che, mescolate ad una colonna sonora molto incalzante ed ad una grafica molto particolare che richiama gli anni 90 in tutto il loro splendore, ci ha davvero dato l’impressione di tornare indietro nel tempo e di giocare attaccati ad un bellissimo cabinato arcade. Inoltre oltre all’aumentare di livello del nostro personaggio non dovremo preoccuparci di nulla, ne equipaggiamenti, ne potenziamenti strani ne collezionabili, nulla. Semplici schemi da affrontare ad una difficoltà sempre maggiore, dove oltre alla nostra abilità avremo solamente la nostra fortuna ad aiutarci, in quanto i vari power up temporanei sono completamente random e verranno trovati di tanto in tanto sparsi per la mappa di gioco.

Conclusione

In conclusione possiamo dire che Demon’s Crystal è un titolo che ha saputo davvero regalarci diverse ore di gioco “fuori dal tempo”, proponendoci un titolo basilare, nudo e crudo, con una difficoltà crescente ed a tratti snervante, caldamente consigliata per sessioni di gioco in multiplayer. Peccato tuttavia per la trama che rimane solo accennata all’inizio del titolo, e che non si svilupperà in nessun modo per tutta la durata della nostra avventura insieme agli Urcan. Un titolo che ci sentiamo di consigliare agli amanti dei giochi frenetici ed con ritmi davvero serrati, con livelli davvero tosti alle volte e con un gameplay basato principalmente sull’abilità del giocatore piuttosto che sullo sviluppo di una storia, e che suggeriamo di giocare in compagnia di qualche amico per esprimere appieno tutta la sua bellezza.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook