Ninjin: Clash of Carrots – Un coniglio alla riscossa

Ninjin: Clash of Carrots – Un coniglio alla riscossa

Avete mai pensato a cosa sarebbe in grado di fare un coniglietto vestito da ninja al quale hanno rubato tutte le sue preziosissime carote? Noi onestamente no, ma grazie ai ragazzi di Pocket Trap ci siamo imbattuti in Ninjin: Clash of Carrots, e ci siamo trovati ad impersonare proprio quel coniglio, veloce, silenzioso e letale come ogni ninja, in un mondo a dir poco folle e fuori di testa.

Un conilgio alla riscossa!

Ninjin: Clash Of Carrots è un gioco dal sapore totalmente da cabinato, che ci riporta indietro nel tempo agli ormai vecchi beat em up a scorrimento orizzontale, e che ci trasporterà in un Giappone feudale fantasy, dove non esistono monete ma si utilizzano le carote come valuta. Il tutto con uno stile divertente e molto ispirato agli anime giapponesi.

Il gioco inizia con una piccola scena dove si vede il nostro villaggio festeggiare un abbondante raccolto, festa che viene tuttavia interrotta dall’esercito dello Shogun che si impossesserà tramite i suoi soldati, di tutte le nostre carote. Sarà solo allora che l’anziano del villaggio suggerirà al nostro Ninjin di correre a recuperare i preziosi ortaggi.

Correre, nel vero senso della parola! Perché dal quel momento in poi, saremo sempre e costantemente all’inseguimento degli scagnozzi nemici, cercando di recuperare più carote possibili per impedire all’esercito di tornare dallo Shogun col bottino.

Il gameplay di Ninjin: Clash of Carrots è decisamente semplice e si basa su tre aspetti principali oltre che sulla dimestichezza del giocatore con il controller. Ci basterà usare la spada, che sarà la nostra arma di base, i classici shuriken per colpire gli avversari a distanza, e un rapido scatto per schivare i colpi dei nemici.

Tre semplici tasti che possono sembrare molto semplici e basilari ma che se usati con il giusto tempismo sapranno darci decisamente delle soddisfazioni in un contesto dove, vogliamo ricordarlo, si corre in continuazione. Quindi non ci sarà modo di colpire con la spada dietro le nostre spalle (salvo boss fight, ma queste le vediamo tra un pò), non sarà possibile nemmeno alla maggior parte nemici farlo e dovremo quindi tentare di arrivare alle spalle dell’esercito schivando ogni soldato che cercherà di fare lo stesso con noi..

Nulla di impossibile, sia chiaro..sempre che non vogliate prendere tutte le medaglie di rango S nei diversi livelli, perché se siete perfettisti, il gioco sarà decisamente difficile.

Infatti, ogni livello è suddiviso in ondate, dove verrete letteralmente invasi da orde dell’esercito nemico, ed in basa alla vostra abilità sul campo ricevere, alla fine di ognuna, un piccolo bonus che vi farà recuperare la vita se non verrete colpiti o se avrete fatto una combo prolungata di colpi, Tuttavia il rango S è un rango pregiato, e se nei primi livelli sarà molto facile ottenerlo, già dal boss del secondo mondo le cose cambieranno drasticamente.

Boss fight e power up!

Raccogliere carote durante tutta la nostra corsa, non sarà semplicemente un passatempo, infatti dopo le primissime missioni, libereremo dalla morsa dell’impero un valido aiutante, ossia un simpatico cagnolino mercante che ci permetterà di comprare diversi power up che ci aiuteranno nel nostro percorso, aprendoci anche gli orizzonti verso alcuni cambiamenti di gameplay che abbiamo apprezzato molto.

Non solo potremo scegliere tra spade lunghe, medie e corte che semplicemente cambieranno il raggio d’azione dei colpi del nostro personaggio, ma anche tra spade pesanti, pugnali, lance che modificheranno anche il tempo di attacco e lo stile con cui colpire i nemici. Inoltre saranno disponibili diversi shuriken, boomerang, bombe incendiarie ed altri strambi strumenti e manufatti che cambieranno anche il nostro attacco a distanza o i bonus a disposizione dando al giocatore piena libertà di scegliere lo stile di gioco che più si addice al suo modo di affrontare la corsa

Ninjin: Clash of Carrots si presenta quindi come un semplicissimo beat em up a scorrimento ma che saprà regalare diverse emozioni al giocatore che deciderà di sperimentare i diversi stili di combattimento del nostro coniglio, permettendoci di sbloccare anche manufatti studiati per il gioco in cooperativa, come il far recuperare vita al nostro alleato ogni 2 o 3 nemici sconfitti.

Il multigiocatore è una delle funzionalità di base del gioco, che noi abbiamo testato su Switch semplicemente dividendoci i Joy-con, ma nel caso non aveste un amico al vostro fianco non vi preoccupate perchè si potrà giocare anche online! E fidatevi che in due il tutto diventa ancora più frenetico e imprevedibile.

Bisogna ammettere però che giochi di questo tipo a lungo andare possono risultare ripetitivi, ma per spezzare la monotonia ecco che giungono in nostro soccorso le sopracitate boss fight.
Le boss fight altro non sono che arene nelle quali dovremo affrontare un nemico dalla classica barra della vita rossa gigante, molto potente e spesso non dovremo correre per farlo. Quindi nella maggioranza dei casi ci troveremo a dover modificare il moveset delle nostre armi contando di poterci girare e colpire anche alle nostre spalle.

I nemici, come tutti i personaggi che incontreremo nella nostra corsa, si presenteranno con simpatici sketch fuori di testa, e molto autoironici, con dialoghi sempre più folli. Una piccola nota negativa però ci sentiamo di esprimerla sulla localizzazione in italiano del titolo, che nelle missioni finali pecca di “fretta” e spesso ci siamo trovati a fare i conti con frasi metà in italiano e metà in inglese. Nulla di grave dal punto di vista della comprensione del testo, ci teniamo a sottolinearlo, ma ci è dispiaciuto che proprio sul finale ci sia stata questa piccola imperfezione.

In conclusione possiamo affermare che i ragazzi di pocket Trap hanno saputo confezionare un titolo secondo noi davvero interessante. Un beat em up intenso e decisamente coinvolgente, che ci ha saputo tenere incollati alla nostra Nintendo Switch per tutta la durata della campagna, con dialoghi divertenti e nemici simpatici ma accattivanti. Le musiche orecchiabili e la difficoltà sempre crescente inoltre, fanno da sfondo ad un titolo che da il meglio di sé quando giocato in due, coordinandosi con un amico nel superare le ondate di nemici proprio come quando si giocava in sala giochi.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook