Observer – Recensione

Observer – Recensione

Dai creatori di Layers Of Fear arriva sul mercato questo titolo che per alcuni aspetti riprende ciò che aveva lasciato il suo predecessore ma che innesta nella formula di gioco qualcosa di nuovo, quel qualcosa che rende questo Horror veramente unico e speciale, soprattutto nelle atmosfere.
Ma andiamo per gradi, cos’è Observer? è un horror con alcuni Jump Scare veramente ben fatti e con una storia che tratta tematiche interessanti e che non vi posso spiegare troppo per questione di Spoiler.
Quello che rende speciale e imperdibile questo prodotto è la sua location che può vantare un level design di altissimo livello senza sfigurare davanti ad opere Tripla A.
Però alla fine di tutto ciò la domanda più importante in un Horror è se il gioco effettivamente fa paura e noi della redazione possiamo dire con assoluta certezza che è un si, però spieghiamo meglio, la paura viene elevata grazie alla location (che metterà più di qualche brivido) e dalle musiche che più azzeccate di così non potevano essere e che danno proprio una sensazione di essere braccati e senza speranze.
Ci sono dei nemici? Ecco, la verità è che ce n’è solamente uno ma che si presenta veramente pochissime volte all’interno del gioco e che non vi metterà assolutamente in difficoltà però vi darà un’ansia assurda.

Differenze sociali e menti deviate

Observer è ambientato nel 2084 in Polonia dopo che la nanofagia prende piede e diventa virale così la gente viene trasferita in quartieri in base alla classe sociale e alla malattia.
Il detective Lazarski una mattina riceve la chiamata di suo figlio Adam in maniera anonima e lo rintraccia in un quartiere popolare ed è qua che parte l’indagine.
Si scopre che in realtà nel quartiere si aggira un Killer molto pericoloso e noi ci prenderemo l’impegno di fermarlo.
Nel frattempo saremo anche alla ricerca di nostro figlio Adam che è ufficialmente scomparso, ma non finisce qui, evito di andare avanti per evitare spoiler ma ciò che succede dopo è davvero assurdo.

Qualche sbavatura di troppo

Ma non ci sono solamente elogi per questo titolo ma anche qualche critica che abbiamo riscontrato durante il Gameplay.
Per prima cosa, ci è successo spesso all’inizio che Observer crashasse come se decidesse di bloccarsi e ci facesse tornare nel menù della Ps4, però tutto questo è avvenuto solamente nella prima ora di gioco, dopo non si è mai riscontrato.
Un altro grosso problema è il frame rate che è davvero ballerino, infatti nei movimenti spesso succede che la visuale scatta e che dia un fastidio al giocatore, alla fine di tutto era lo stesso problema che affliggeva Layers Of Fear.

In breve

Su Observer si può dire che sia un prodotto ben riuscito, mischia bene tutti gli elementi di gioco e sforna un Horror di altissimo livello che però non riesce a sfociare in un mercato ormai saturo di questi tipi di giochi ed è un peccato dato che potenzialmente il prodotto poteva essere una manna dal cielo ma che per alcuni piccoli problemi non riesce ad essere perfetto.
Noi della redazione non possiamo far altro che consigliartelo per via di: location, musiche e della storia che non potrà che farti interessare.
Ora resta da vedere cosa sfornerà Bloober Team nei prossimi mesi o anni.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook