Saghe Del Cuore #6 – Gears Of War

Saghe Del Cuore #6 – Gears Of War

Saghe del cuore – Gears Of War

Premessa

I videogiochi ci fanno vivere esperienze e creano sentimenti da parte dell’utente verso alcune serie, ogni persona crea una propria strada verso la cultura personale del videogioco. Quando ci viene chiesto: “Perchè giochi?” Pensiamo sempre al fattore divertimento e passione che acquisiamo da questo Hobby.

Ma non è solo divertimento e passione, ma è anche esperienza e amore perché il videogioco non crea solo divertimento, ma dà emozioni. Tutto questo per dirvi che voglio occuparmi delle serie che ci hanno emozionato e divertito di più nella nostra cultura videoludica personale.

Lo scorso mese avevo parlato della serie di Life Is Strange, se volete recuperarlo cliccate sul suo nome.

Questo mese vi voglio parlare di un gioco che mi ha accompagnato per mesi in Cooperativa con un amico e che mi ha divertito tanto, uno dei migliori TPS sul mercato, Gears Of War.

Gears Of War

Nel pieno dell’uscita di Xbox 360 la Microsoft pubblica l’ultima fatica della Epic Games guidata da Cliff Bleszinski. Quindi in Europa Gears viene lanciato il 17 Novembre 2006 e subito si porta alla ribalta superando anche l’incontrastato Halo 2.

Ma arriviamo al nocciolo della questione, di cosa parla questo primo capitolo? Innanzitutto viene ambientato in un pianeta di nome Sera in cui viene trovato questo liquido di nome Emulsion che permetteva di produrre energia a basso costo, sicuramente una grande scoperta per l’umanità.

Grazie a questa scoperta ci fu un crollo dell’economia e scoppiò una guerra chiamata Pendulum Wars. Alla fine di questa grande guerra in meno di 24 ore spuntarono fuori dei mostri che poi verranno chiamate locuste, così si prende la decisione di rifugiarsi a Jacinto, ma la domanda vera è: perché Jacinto? In poche parole il sottosuolo era di granito e quindi le locuste non potevano penetrare.

Qui arriviamo alla presentazione dei protagonisti principali, il primo è Marcus Fenix che chiamato da suo padre (che è uno scienziato popolare) deve svolgere una missione ma non ci riesce e quindi viene condannato per omissione di doveri d’ufficio.

Il secondo personaggio che ci viene presentato è Dominic Santiago, anche lui imprigionato.

Ma accade la svolta che non ti aspetti, i COG sono a corto di soldati e quindi liberano i prigionieri più bravi per aiutare la squadra ed è proprio quando le locuste invadono la prigione che parte la storia di Gears Of War.

Parliamo delle modalità e delle meccaniche, bisogna subito specificare che è presente una storia ma è anche attiva una modalità online sia competitiva che cooperativa. Per quanto riguarda le meccaniche è chiaro a tutti come siano importantissimi i ripari, infatti il sistema di copertura è una delle migliori qualità insieme a quello Shooting.

A me personalmente ha dato fastidio la corsa, cosa che la saga si porta fino all’ultimo capitolo. Se volete recuperare questo capitolo vi consiglio la versione Xbox One in cui hanno sistemato le Texture e graficamente è una gioia per gli occhi, nel caso però potete recuperarlo per 360 e giocarlo su One dato che è retrocompatibile ma questo vale per tutta la serie e vi do un ultimo consiglio, nel quarto capitolo se lo comprate nuovo avete i codici per giocare tutti i Gears Of War.

Gears Of War 2

L’Epic Game il 7 Novembre 2008 è pronta a pubblicare il seguito del TPS per eccellenza. Come prime migliorie possiamo notare che il motore grafico si aggiorna seppur mantenga lo stesso, infatti fin dal primo impatto si nota una grafica migliorata sotto ogni aspetto. Il secondo capitolo riprende le vicende della squadra di Marcus Fenix e si inizia quando si sente la voce della regina delle locuste che ricorda la Pendulum Wars.

In questo seguito possiamo notare che le locuste sono ancora più decise a conquistare Jacinto dopo che gli umani hanno tentato di raderli al suolo senza però riuscirci del tutto. Quindi lo scopo del gioco è di sterminare una volta per tutte queste maledette locuste. Nel gioco vengono introdotti: nuovi veicoli, nuove armi e anche nemici.

L’online viene migliorato e vengono introdotte nuove Feature, come la possibilità dopo la morte di andare in giro e scattare foto e condividerle con la Community. A mio parere personale reputo Gears Of War 2 il migliore della saga assieme al 3.

Gears Of War 3

Qua si chiude la prima trilogia di Gears, con un terzo capitolo uscito sempre su Xbox 360 il 20 Settembre 2011 anche se in teoria doveva uscire ad Aprile ma per motivi commerciali non hanno potuto.

In Gears Of War 2 Marcus Fenix e le forze COG dovettero distruggere Jacinto per bloccare l’insediamento delle locuste e degli splendenti, cosa sono gli splendenti? Sono locuste che hanno contratto il liquido Emulsion e si sono semplicemente trasformate.

Nonostante il colonnello dei COG fuggi per motivi ignoti, Marcus e la sua squadra si spartirono le zone per conquistare più velocemente possibile i territori e scacciare le locuste.

La novità principale è la Cooperativa fino a quattro giocatori assieme per giocare la storia, veramente una cosa molto bella che purtroppo non ho avuto il piacere di provare. Anche nell’Online c’è una novità fondamentale, per la prima volta hanno deciso di introdurre i server dedicati.

Questo terzo capitolo mi è piaciuto veramente tanto, anche per le ambientazioni veramente ben rese ma un Flop c’è stato, l’ultima Boss Fight è qualcosa di ripugnante a mio modo di vedere, immagino che già sapete cosa intendo se l’avete finito.

Gears Of War: Judgment

Questo Spin-Off della saga principale ci porta nei panni di Baird (il personaggio secondo me meno carismatico del gioco ma dettagli, avrei preferito un Cole) e apporta qualche novità, come le missioni “secondarie” che ci portano a fare delle sfide diverse in base alla zona in cui siamo, solo che purtroppo queste specie di prove non sono poi così varie ma sono poche e simili.

Un’altra novità che mi è piaciuta molto è il punteggio, in base alle Kill che fai e a quante volte muori guadagni da una a tre stelle, da quel pizzico di voglia a renderlo rigiocabile e soprattutto lo fa durare di più, anche perché la storia presa singolarmente non dura poi così tanto.

Questo capitolo è uscito il 22 Marzo 2013 ed è molto diverso dai precedenti anche perché non sono gli Epic Games a crearlo ma sono i People Can Fly. Judgment è collocato 15 anni prima della storia principale è nella squadra insieme a Baird ci saranno: Cole, Paduk e Sofia.

Parlando di Multiplayer hanno aggiunto: nuove classi, nuove armi e anche nuove modalità.

Il gioco non è stato apprezzato chissà quanto dai Fan e si alla fine non è sto gran prodotto ma ha aggiunto delle meccaniche interessanti.

Gears Of War 4

L’11 Ottobre 2016 per i Fan di Gears Of War è un grande giorno, esce il primo capitolo della nuova trilogia in cui si cambia anche sviluppatore, non sarà più Epic Games a condurre ma bensì The Coalition.

Il gioco è ambientato 25 anni dopo che il padre di Marcus azionò l’arma di contromisura per l’emulsion per distruggere tutti gli splendenti e le locuste.

Questo provocò l’eliminazione di tutti i combustibili fossili e in poche parole costrinse l’umanità a trovare nuovi modi di vivere anche perché star fuori non era sicuro dato che spesso e volentieri arrivavano tornadi violenti.

Nel frattempo JD (figlio di Marcus) e Del hanno abbandonato i COG per via della loro politica e del contrasto con le loro idee. Si uniscono al gruppo di Reyna ed è lì che vengono fermati da Jinn (che viene trasmessa tramite Deebee) che li minaccia di aver rapito la propria gente ed è lì che l’accampamento viene assalito dalle truppe del COG ma JD e i suoi compagni riescono ad avere la meglio.

Intanto che cercano di riparare il generatore del villaggio fanno incursione dei mostri strani che alla fine del combattimento riescono a catturare Oscar e Reyna (madre di Kait). Dopo quello che è successo JD decide di tornare a casa per chiedere aiuto a suo padre Marcus Fenix, avete capito bene, lui è il figlio.

Ma Marcus sarà ancora arrabbiato perché JD in passato aveva deciso di unirsi ai COG e quindi metteva a rischio la sua vita. Però appena Marcus sente della possibilità che le Locuste non siano morte ma che si siano solamente evolute accetta di aiutarli. Poco dopo Marcus viene catturato da uno Snatcher, per la precisione dentro all’intestino, quindi parte la nostra missione per liberarlo.

Quando finalmente riusciamo a liberarlo apprendiamo che la madre di Kait è ancora viva quindi si decide di andarla a trovare ma Marcus si accorge che lo sciame è troppo forte per loro allora chiede aiuto a: Cole, Baird e Samantha Byrne.

Si scopre che Baird è CEO della DB Industries (creatore dei soldati Deebee) quindi hanno anche l’aiuto meccanico oltre che umano. Purtroppo una volta riusciti a oltrepassare lo sciame si scopre che Reyna è viva ma è legata alla rete dell’alveare quindi nel caso che si decida di staccarla muore, infatti lei chiede a Kait di ucciderla e gli da in dono l’amuleto di famiglia in cui si scopre che molto probabilmente Reyna era figlia della regina delle locuste.

Questo capitolo a mio parere l’ho trovato scialbo, poche novità rispetto ai precedenti e sistema di movimento ancora molto meccanico per non parlare di alcune cose che devi fare che sono senza senso, ma vogliamo parlare del Boss finale? Potevano anche non metterlo da quanto è facile e poco epico.

Carmine chi?

La famiglia Carmine è sempre stata una barzelletta nel mondo di Gears Of War, diciamo che hanno una grande propensione a morire.

Il primo Carmine compare in Gears Of War e viene ucciso quasi subito da un cecchino, mentre il secondo spunta in Gears Of War 2 e anche qui viene ucciso dentro al verme di pietra.

Ma la cosa più curiosa è che il terzo Carmine non viene ucciso, grazie agli utenti che hanno votato a risparmiarlo, infatti in Gears Of War 3 scampa per un pelo alla morte e sopravvive.

Possiamo dire con assoluta certezza che la famiglia Carmine è l’icona di Gears Of War, infatti rappresentano: Follia, colpo di genio e sregolatezza.

Però nel quarto capitolo non compare, questa cosa non mi è piaciuta anche perché se nel terzo non era morto, perché non ripresentarlo qua?

Il futuro: Gears Of War 5

All’E3 2018 viene annunciato alla conferenza Microsoft un nuovo Gears, la cosa che mi ha incuriosito di più è il fatto che hanno levato il “Of War”, non so se ci daranno delle spiegazioni oppure hanno solamente voluto abbreviare.

Hanno mostrato un breve video Gameplay in cui non si notano grandi rivoluzioni e questo personalmente mi ha fatto storcere un pò il naso.

La novità più grande è che la storia ruoterà attorno a Kait e non al figlio di Marcus.

Inoltre hanno annunciato Gears Tactics, un gioco tattico un po come sono gli Halo Wars.

Anche Gears Pop, un gioco in cui i protagonisti della serie sono sotto forma di POP, diciamo che questa se la potevano pure risparmiare ma magari viene fuori qualcosa anche di carino.

Spero vivamente che questo nuovo Gears apporti delle novità, è questo che ha bisogno della saga.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook